Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, violenza in centro. Prende a sprangate l'auto del rivale in amore, denunciato

  • a
  • a
  • a

Ennesimo episodio di violenza nel centro storico, dove ieri mattina, 18 giugno, un giovane è stato denunciato dalla polizia al termine di una lite avvenuta in piazza San Sisto. L’episodio si è verificato intorno alle 11, quando un viterbese di circa 25 anni, mentre si trovava seduto al tavolo di un bar, sarebbe stato aggredito da un coetaneo, pure lui viterbese, poco più che ventenne. Prima i due si sarebbero affrontati verbalmente, a quanto pare per una ragazza, poi sarebbe volato qualche spintone e anche qualche sedia.

 

A

d un certo punto i due contendenti, grazie all’intervento di alcuni presenti, sarebbero stati divisi e la lite sarebbe scemata, ma l’arrivo della stessa ragazza avrebbe subito riacceso gli animi, a tal punto che uno dei due, quello più giovane, sarebbe salito in auto, avrebbe preso una spranga di ferro e danneggiato il lunotto posteriore della macchina del rivale prima di allontanarsi. Tutto questo sotto gli occhi impauriti degli avventori del locale, che tutto si sarebbero immaginati tranne che di assistere ad una scena così violenta.

 

 

Il giovane pochi attimi dopo è stato bloccato in piazza Fontana Grande da una volante della polizia - nel frattempo allertata dal gestore del bar e da altri testimoni -, e anche da una pattuglia della guardia di finanza. Una volta ricostruita la vicenda, il ragazzo è stato denunciato in stato di libertà per minaccia aggravata, danneggiamenti e porto di oggetti atti ad offendere. Gli agenti hanno poi proseguito gli accertamenti acquisendo i filmati delle videocamere della zona e raccogliendo le testimonianze delle persone presenti al momento in cui si è scatenata la lite. L’ennesima, dicevamo, avvenuta nelle ultime settimane nel centro storico del capoluogo, nonostante l’impiego massiccio delle forze dell’ordine. La volante della polizia, infatti, non a caso è riuscita ad intervenire rapidamente proprio perché si trovava nei pressi di piazza San Sisto.