Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, infermieri utilizzati come autisti delle ambulanze. Denuncia del sindacato Nursing Up

Inutili i soccorsi da parte del 118

  • a
  • a
  • a

“Infermieri e amministrativi utilizzati come autisti di ambulanze”. E’ quanto denuncia il sindacato Nursing Up, che ha inviato un esposto al direttore generale Daniela Donetti e all’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato. La stessa denuncia è stata trasmessa alla procura. “Seppure quella di autista sia una funzione ben accetta da alcuni infermieri, in quanto offre loro la possibilità di incrementare lo stipendio, come sindacato non possiamo far finta di nulla”, afferma il segretario provinciale Nursing Up, Mario Perazzoni, ricordando come negli anni l’azienda abbia assunto anche autisti, “che però il giorno stesso in cui hanno preso servizio sono stati dichiarati non idonei a guidare l’ambulanza”.

“La soluzione allora è utilizzare infermieri e amministrativi al posto degli autisti - continua il sindacalista - consolidando una prassi che vede già gli infermieri sostituire gli operatori socio-sanitari, altre figure previste ma di fatto assenti in organico, oppure utilizzate in altre mansioni”. All’esposto, il Nursing Up allega anche un documento contenente i turni di servizio trasporto sangue-ambulanza relativi a maggio, dai quali si evince come un infermiere e un amministrativo in particolare avrebbero effettuato rispettivamente 29 turni e 26 turni.

 

“Uno dei due soggetti – continua Perazzoni - copre consecutivamente 3 turni di ambulanza da sommarsi ai turni di servizio regolarmente svolti presso il servizio di appartenenza”. Ciò premesso, il Nursing Up rivolge ai vertici Asl tutta una serie di domande: “Gli infermieri che svolgono l’attività di autista hanno ricevuto una specifica formazione? Sono stati sottoposti al protocollo di sorveglianza sanitaria specifico, ovvero sono stati sottoposti preventivamente e periodicamente a controlli sanitari, in particolare quelli volti a verificare il consumo di alcol e droghe previsti per il ruolo di autista?”. E ancora: “La direzione GoPs, competente per le attività del comparto, ha effettuato controlli sull’orario svolto dagli infermieri e amministrativi/autisti per garantire che siano stati rispettati i tempi di riposo, considerando che in un caso in particolare i turni di trasporto sangue/ambulanza susseguono e sicuramente sono in continuità con il turno in reparto?”. Al responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, il sindacato chiede invece se abbia integrato il documento della valutazione dei rischi relativamente alla mansione di infermiere-autista di ambulanza, e “se abbia considerato la sommatoria dei rischi delle due mansioni e l’aumento abnorme di orario effettuato”.