Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, perseguita l'ex ragazza che lo ha lasciato dopo la vacanza in Sardegna

V. T.
  • a
  • a
  • a

Non si rassegna alla fine della relazione e finisce davanti al giudice con l’accusa di stalking. È la storia di un giovane, accusato dalla ex fidanzata di aver messo in atto una serie di atti persecutori nei suoi confronti dall’estate del 2020, periodo in cui la donna decise di troncare il rapporto sentimentale con l’imputato. “Decidemmo di intervenire a seguito di una chiamata da parte della vittima, la quale ci racconto che l’ex fidanzato si era piazzato sotto casa, citofonandole in continuazione. Una volta arrivati sul posto trovammo l’uomo, il quale ci disse che voleva solo parlare con l’ex fidanzata – ha riferito un ufficiale ieri in aula-. A quel punto lo persuademmo ad andare via e così fece. Subito dopo la ragazza, che nel frattempo si era nascosta in casa, ci fece entrare".

"Notammo  - ha continuato - che era molto spaventata, ma ci riferì che voleva ridare al ragazzo dei regali che lui le aveva fatto. Successivamente, altri colleghi effettuarono due interventi e la dinamica era sempre la stessa: il ragazzo citofonava insistentemente per parlare con la donna. In seguito disponemmo una perquisizione dell’abitazione dell’imputato, in quanto la ragazza ci rivelò che l’ex fidanzato aveva fatto dei video durante dei rapporti sessuali che avevano avuto. Dunque, sospettando che si potesse trattare di un caso di revenge porn sequestrammo 6 smartphone appartenenti al ragazzo. Tuttavia, questi dispositivi non sono mai stati analizzati”.

 

Successivamente è stato ascoltato anche il padre dell’imputato. “Mio figlio e questa ragazza sono stati insieme per 5 o 6 mesi. Al termine del lockdown partirono per una vacanza in Sardegna – ha raccontato il genitore-. Durante il soggiorno mio figlio mi chiamò per dirmi che si era rotta la macchina Quando andai a prenderli al ritorno lei si fece venire a prendere da un familiare. Mio figlio non accettava la fine della loro storia d’amore, ma non è un ragazzo violento”. Il dibattimento riprenderà il prossimo 19 luglio.