Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Lazio, concorsi sotto inchiesta. Chiara Colosimo (FdI) convoca commissione trasparenza

  • a
  • a
  • a

La presidente della commissione Trasparenza e Pubblicità della Regione Lazio e consigliera regionale di Fratelli d’Italia, Chiara Colosimo, ha convocato per venerdì 28 maggio alle ore 10, la prima riunione della commissione. La seduta si svolgerà in modalità telematica. All'ordine del giorno “le procedure concorsuali eseguite presso il Comune di Allumiere a cui ha attinto anche il Consiglio regionale del Lazio”. È stato invitato a partecipare il sindaco Antonio Pasquini.

 

Arresti in Asl: Colosimo (Fdi), basta modalità clientelari (ANSA) "Ringrazio la Magistratura, la Polizia di Stato e...

Pubblicato da Chiara Colosimo su Venerdì 21 maggio 2021

 

Intanto, a proposito dei concorsi indetti in ambito sanitario la consigliera ringrazia “la magistratura, la polizia di Stato e la Guardia di finanza di Latina per aver portato alla luce particolari inquietanti sul concorso indetto dalla Asl di Latina, ma del quale hanno beneficiato anche altre aziende ospedaliere del Lazio. Quello che sembra emergere è che nel Lazio esiste un sistema, che non riguarda solo le Aziende sanitarie locali, ma anche i Comuni della provincia, che ha come obiettivo quello di cercare di usare le istituzioni per i propri interessi”. 

 

“Aggiungo - precisa l’esponente regionale di Fratelli d’Italia - che è impensabile utilizzare modalità clientelari in ogni ambito, ancora di più in quello della salute pubblica in questo momento. Tutto questo è inammissibile e per quanto mi compete cercherò di fare il possibile per sradicare questo sistema e cercare di ridare alla Regione e ai propri cittadini la dignità che si meritano” conclude infine il presidente della commissione Trasparenza e Pubblicità della Regione Lazio e consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Chiara Colosimo. 
Quanto affermato dalla presidente della commissione regionale che si occupa di trasparenza significa che soprattutto in ambito della salute pubblica, utilizzare metodi clientelari è veramente indegno e le forze di polizia preposte fanno benissimo a controllare che ciò non avvenga.