Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, rapina anziana. Diciottenne la segue le strappa la collanina dal collo

Esplora:

Beatrice Masci
  • a
  • a
  • a

Un diciottenne di Vetralla è stato arrestato dai carabinieri per una rapina messa a segno in pieno giorno ai danni di una donna.  La vittima è stata strattonata e gettata a terra dal ragazzo che le ha poi strappato la collana. E’ successo nella tarda mattinata di due giorni fa all’interno dell’abitazione dell’anziana signora. Stando a una prima ricostruzione effettuata dai militari, il ragazzo avrebbe seguito la donna che si stava recando presso la propria abitazione. 

Ad attirare l’attenzione del giovane è stato il monile d’oro che l’anziana aveva al collo. L’ha seguita a distanza con cautela e poi, quando la donna ha aperto la porta della propria abitazione, è entrato in casa spingendola in avanti. La donna, strattonata, è caduta a terra e ha iniziato a gridare per richiamare l’attenzione dei vicini e chiedere aiuto. E’ probabile che questa reazione abbia interrotto il ragazzo, il quale, invece di provare a rubare altri oggetti presenti in casa, è scappato, non prima, però, di aver strappato dal collo della donna l’oggetto in oro che lo aveva colpito lungo la strada.
Per sua sfortuna, però, l’intera sua azione è stata seguita in diretta da una persona che, passando davanti all’abitazione della vittima, ha visto il ragazzo entrare in casa con lei e poi spingerla dentro con forza.
Il testimone ha immediatamente chiamato i carabinieri. Una pattuglia era in servizio nelle vicinanze dell’abitazione, per cui in pochi minuti i militari erano davanti casa della vittima. 

 

Nel frattempo il ragazzo era già corso fuori con in mano la collanina, ma è riuscito a percorrere appena 300 metri prima di essere raggiunto e fermato dai militari. 
Il diciottenne aveva ovviamente tra le mani la catenina che non aveva fatto in tempo a nascondere oppure a gettare via. Dopo le formalità di rito, svolte nella caserma dei carabinieri di Vetralla, il ragazzo è stato condotto a casa sua in regime di arresti domiciliari. Non ha precedenti di alcun genere e al momento dell’arresto non ha detto nulla per spiegare i motivi di quel gesto.