Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo discarica del Lazio. Interrogazione al governo del senatore Fusco (Lega)

  • a
  • a
  • a

Viterbo, emergenza rifiuti, il senatore Umberto Fusco, come annunciato qualche giorno fa nell’ambito dell’iniziativa pubblica organizzata dalla Lega di fronte alla discarica e a piazza del Plebiscito per esprimere il proprio dissenso contro l’arrivo dei rifiuti a Viterbo dalle altre province laziali fino al 30 giugno, ha presentato un’interrogazione al Presidente del Consiglio dei Ministri e al ministro della Transizione Ecologica per chiedere se “il Governo intenda intervenire urgentemente e in maniera decisa per risolvere l’annosa questione del trasferimento dei rifiuti da Roma e da altre Province del Lazio presso la discarica di Viterbo, anche valutando concretamente il commissariamento del presidente Zingaretti per la gestione dei rifiuti”.

 

Nell’interrogazione vengono ripercorse le tappe della politica messa in atto dalla Regione Lazio per lo smaltimento dei rifiuti che, nelle ultime settimane, “trascina nel carosello dei sacchetti itineranti pure l’impianto di smaltimento viterbese, palesando all’orizzonte lo spettro di un’emergenza rifiuti pure nella Tuscia, finora autosufficiente, accelerando il riempimento della discarica locale a causa dell’arrivo dei rifiuti da altri territori”.

 

 

Sulla vicenda interviene anche Giulio Marini (Forza Italia): “La reazione del sindaco Arena, alla nuova ordinanza di Zingaretti sui rifiuti è non solo comprensibile, ma anche pienamente condivisibile. Lo stiamo dicendo da settimane: la Tuscia non è la pattumiera del Lazio. Alla Regione, però, sembrano non volerci sentire e, allora, lo ribadiamo ancora una volta con maggior forza: non si può procedere con arroganza e totale mancanza di rispetto del nostro territorio, con ordinanze nemmeno discusse con le istituzioni locali. Zingaretti e il suo assessore ai Rifiuti, Valeriani, anziché dedicarsi a inutili passerelle nei cortili Ater, si mettano a un tavolo e trovino soluzioni”.