Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo Covid, tracce del virus nei bus. Cotral: "Fake news". Arena: "Lo dice il Nas". Ciambella querela

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Il sindaco Giovanni Arena e la consigliera comunale Luisa Ciambella sul piede di guerra contro Cotral, che, dopo il dibattito in aula sulla rilevazione da parte del Nas di tracce di Covid in alcuni mezzi pubblici, ha accusato i due di aver diffuso notizie false. Arena replica che non è così, visto che è stato il Nas a tirare in ballo il Cotral; Ciambella, che peraltro mai ha citato il Cotral durante il suo intervento, annuncia invece querele all’indirizzo della società di trasporto.

“Ho ricevuto mandato da Luisa Ciambella - spiega l’avvocato Pierluigi Bianchidi agire in ogni sede nei confronti di Cotral per aver diramato a mezzo stampa notizie false e lesive del suo onore e decoro, da ritenere ancor più gravi se si considera che esse attengono all’esercizio della sua attività pubblica. Affermare ‘dispiace constatare che sia il sindaco sia la consigliera Ciambella siano male informati e sostengano la diffusione di vere e proprie fake news’ è notizia falsa che rappresenta una grave lesione della sua immagine. Infatti, come si può verificare dall’interrogazione a protocollo – spiega Bianchi – e ancora meglio dalla registrazione del Consiglio, la consigliera Ciambella non ha mai ne asserito, né pensato, né lasciato intendere che Cotral avesse ricevuto rilievi dai Nas. Semplicemente non ha mai citato la società Cotral, parlando solo di Francigena e, come le compete da mandato elettivo, poneva quesiti al sindaco assolutamente legittimi”. 

 


Arena invece precisa che “quanto asserito l’8 aprile in Consiglio, a seguito di un’interrogazione rivoltami dal consigliere Ciambella, non è affatto una fake news come sostenuto da Cotral. Le informazioni da me fornite, circostanziate e reali, fanno fedele riferimento alla nota ufficiale del Comando dei carabinieri per la tutela della salute Nas di Viterbo, pervenuta in Comune in data 6 aprile. Questa si chiama informazione”.