Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, morto dopo un malore al lavoro. Montefiascone piange Paolo Brachini, aveva 56 anni

Inutili i soccorsi da parte del 118

  • a
  • a
  • a

Un malore improvviso lo ha strappato ai suoi cari e agli amici. Tragedia questa mattina, 2 aprile, in un cantiere dell'Alta Tuscia. L'uomo che ha perso la vita è Paolo Brachini, 56 anni, di Montefiascone. Era molto conosciuto anche per la sua partecipazione alle attività sportive. Era infatti dirigente di una delle società di calcio del comune, l'Asd Montefiascone calcio 1960.

Stando a quanto è filtrato tutto è avvenuto appena iniziato il lavoro nel cantiere. Alle 7,40 l'uomo si è accasciato per un malore. inutili i soccorsi, il suo cuore non ha retto. Vani tutti i tentativi di rianimazione dei sanitari del 118 che sono intervenuti sul posto dopo la chiamata al numero per le emergenze. Hanno solo potuto constare il decesso dell'uomo. La tragedia è avvenuta in un cantiere nella zona di Zepponami. Da quello che si è appreso si tratta di una morte per cause naturali. I funerali di Paolo Brachini si celebreranno domani,  sabato 3 aprile, alle 15 nella basilica di Santa Margherita a Montefiascone. La famiglia ha chiesto di non portare fiori ma di inviare i soldi in beneficenza all'associazione Solidarietà falisca.

 

"Il Montefiascone comunica, con infinito dolore, la scomparsa del consigliere Paolo Brachini.  Il presidente, lo staff e l'intera squadra si stringono inoltre intorno alla famiglia dei tesserati Stefano e Sebastian per la perdita del padre.  Paolo è stato uno storico e immancabile dirigente della società gialloverde", si legge nel profilo Facebook della Montefiascone 1960. L'operaio era molto legato alla squadra e partecipava attivamente alla vita della società. "Non ho parole per esprimere la profonda tristezza che sento dentro. Rimarrà sempre nel nostro cuore", è uno dei commenti apparsi nella bacheca che testimoniano l'attaccamento dei tesserati allo sfortunato dirigente. Per tutti, nello spogliatoio come nel campo da gioco, era Paolone. Sempre sorridente e disponibile a dare una mano.