Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, morto monsignor Divo Zadi vescovo emerito della Diocesi di Civita Castellana

Alfredo Parroccini
  • a
  • a
  • a

Grande cordoglio e tristezza ha suscitato a Civita Castellana e in tutta la sua vasta diocesi la notizia della scomparsa di monsignor Divo Zadi, morto ieri mattina, 1 aprile, all’ospedale Andosilla. Dal 2007 Zadi, che aveva 90 anni, era vescovo emerito della diocesi di Civita Castellana che guidò per anni con grande dedizione e fermezza. “L’intera comunità ecclesiale, unitamente al suo pastore, il vescovo Romano Rossi - commenta la curia vescovile - è unita nella preghiera e nel ricordo di ringraziamento a Dio per gli anni di ministero episcopale nella diocesi di Civita Castellana che ha continuato ad edificare con il suo esempio di pastore”.

 

 

Monsignor Divo Zadi era nato a Montefollonico di Torrita di Siena, in provincia di Siena, il 25 gennaio 1931. Ordinato sacerdote nel duomo di Pienza il 2 agosto 1953 e successivamente chiamato al servizio della Santa Sede, divenne capo ufficio della Segreteria di Stato. Il suo operato è stato caratterizzato da un profondo zelo e da un’instancabile carità pastorale. Venne eletto vescovo della diocesi di Civita Castellana il 10 marzo del 1989 e fu consacrato all’episcopato l’8 aprile 1989, insediandosi alla guida della diocesi il 13 maggio dello stesso anno. "E’ stato un pastore sincero e leale - spiega la diocesi - che ha saputo ogni giorno farsi dono. E’ stato per la diocesi un padre, un fratello, un amico, fortemente legato ai suoi confratelli nel sacerdozio. Lo ricordiamo tutti con sincero affetto e nella preghiera di suffragio”.

 

Quando monsignor Divo Zadi venne nominato vescovo della diocesi di Civita Castellana, Papa Giovanni Paolo II lo invitò in udienza come segno di ringraziamento per il lavoro svolto nella segreteria di Stato. “Desidero - disse in quella importante occasione il Papa polacco - esprimerle cordiali voti per il ministero che ora l’attende. Le auguro che il Signore coroni il suo lavoro di copiose grazie, le conceda l’affetto e la solidarietà del suo presbiterio, sostenga la sua opera con l’adesione sincera e viva dei laici alla predicazione del Vangelo. La Chiesa di Civita Castellana, a me tanto cara anche per il ricordo che conservo della cordiale accoglienza ricevuta durante la mia visita nel maggio dello scorso anno, godrà del suo zelante ministero, che ella eserciterà senza risparmio di energie. Con tali sentimenti, di cuore impartisco a lei, al suo presbiterio, a tutte le comunità consacrate, maschili e femminili, alle famiglie, ai giovani, ai sofferenti la benedizione apostolica, mentre su tutti invoco la protezione materna della Vergine, venerata a Civita Castellana sotto il titolo di santa Maria ad rupes”. I funerali si svolgeranno lunedì alle ore 10 presso la sala Doebbing di Nepi.