Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, Flaminia Tosini dopo l'arresto si dimette dal Consiglio comunale di Vetralla

Daniela Venanzi
  • a
  • a
  • a

Le bocche sono cucite, a doppio filo. Il Comune di Vetralla, o meglio la sua amministrazione non intende al momento rilasciare comunicati ufficiali. Lo scompiglio dopo la custodia cautelare ai domiciliari della sua vicesindaco Flaminia Tosini, ha avuto l’effetto di un terremoto interno che mette tutti, in particolare il primo cittadino, nella posizione di cercare soluzioni immediate o entro il termine massimo di pochi giorni. 

 

In attesa che la vicenda Tosini prenda forma e si definisca dentro le aule del tribunale, c’è la necessità impellente di non far cadere in un vuoto amministrativo il Comune di Vetralla. Anche perché, attraverso il suo avvocato, la stessa Tosini, nonché assessore all’ambiente, ha inviato le dimissioni formali anche da consigliere, pare per non mettere in difficoltà la giunta di Vetralla alle prese con diversi servizi importanti come quello del porta porta appena partito.  Insomma chi sarà il nuovo vice, e il nuovo consigliere? Se a parlare con comunicati ufficiali per ora Coppari non ci pensa proprio, sono le voci di corridoio che corrono insistenti e che vedrebbero salire le quotazioni, per un discorso di parità di genere, del nome di Diana Ghaleb con il ruolo proprio di vicesindaco. Lei, giovane consigliere di 31 anni, eletta nella lista Vetralla Passione Comune per Coppari Sindaco, appassionata di storia e letteratura e piuttosto defilata rispetto ai suoi colleghi. D’altra parte ci sono ancora sette mesi di amministrazione da coprire e quello scranno non può essere lasciato vuoto. Sul nome di chi andrebbe invece a sostituire in qualità di consigliere sempre Flaminia Tosini, si parla del primo dei non eletti, e in questo caso la scelta obbligata andrebbe su Mauro Presciutti di Sel, che se accettasse sposterebbe l’asse, a livello politico, sicuramente più a sinistra.

 

 

 

Nel frattempo, il progetto, quello che vedeva la lista civica ideata dalla stessa Tosini, con il nome di Albero, ha perso quota. Nata sullo slancio dell’allora vicesindaco, aveva ricevuto diversi consensi. Alcune personalità si erano mostrate pronte a mettersi in gioco insieme a lei. Allo stato attuale non si sa se il nome e il progetto rimarranno, oppure se si concretizzeranno altre liste. Inoltre su una serie di voci insistenti, spicca quella che vedrebbe la volontà di Anna Maria Palombi, di candidarsi come sindaco: l’assessore ai servizi sociali, eletta sempre nella lista Passione Comune.  Nel frattempo il centrodestra osserva silenzioso: Gidari, Zelli e Aquilani, hanno assunto un atteggiamento, rispetto all’intera vicenda, attendista. Nessuna aggressione politica, inaspettatamente, e in modo ammirato da tutti, si leva dalle loro parti per il coinvolgimento del vicesindaco relativamente ai reati che le sono stati contestati. La loro posizione però è oggettivamente, al momento rafforzata. In attesa di un comunicato ufficiale le voci fanno la loro parte e Coppari, in un clima non facile, ha tra le mani diverse gatte da pelare.