Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Civita Castellana, vaccino Covid subito ai malati di silicosi. I ceramisti vincono la battaglia

Alfredo Parroccini
  • a
  • a
  • a

E’ stato appena approvato dal Governo l’ordine del giorno presentato alla Camera dal deputato Mauro Rotelli per inserire la silicosi tra le patologie per le quali è garantita la vaccinazione prioritaria contro il virus Covid-19. Nel testo del provvedimento, l’onorevole viterbese di Fratelli d’Italia invitava il Governo italiano ad inserire nell’elenco delle patologie, che possono accedere prioritariamente al vaccino anti Covid, anche la malattia polmonare della silicosi. “La silicosi – ha spiegato Rotelli -, è una malattia professionale, dovuta all’inalazione della polvere proveniente dalla lavorazione della ceramica e può provocare patologie respiratorie molo gravi; come ha indicato la direttiva dell’Unione europea 2017/2398 del 12 dicembre 2017, può provocare anche il cancro ai polmoni. Diversi studi hanno certificato inoltre che il territorio del distretto della ceramica di Civita Castellana, ad esempio, registra l’85 per cento dei casi di silicosi in tutto il Lazio e l’8 per cento a livello nazionale; il Covid – 19 non può che aggravare questa situazione già abbastanza complessa”. 

Con la mossa istituzionale dell’onorevole Mauro Rotelli, il partito di Fratelli d’Italia di Civita Castellana, risponde con i fatti all’accusa rivolta pochi giorni fa dalla minoranza al sindaco Luca Giampieri, reo di non essersi accorto di questa grave mancanza da parte del ministero della Salute. Il Partito democratico locale, Rifondazione comunista, la Filctem Cgil e lo Spi Cgil si erano infatti dichiarati “sconcertati e amareggiati, invocando tutte le istituzioni ad intervenire, ognuna per le proprie competenze e responsabilità, per correggere una situazione in pieno contrasto con le evidenze scientifiche e con il diritto alla salute delle categorie più fragili. Anche perché la stessa circolare del ministero evidenziava che nel 94% la principale causa di mortalità da Covid era dovuta all’insufficienza respiratoria”.

 


Sul banco degli imputati era finito di conseguenza il sindaco Luca Giampieri che, sottolineava l’opposizione, “ pur essendo la massima autorità sanitaria locale, non si era mostrato attento, presente e incisivo”.  Ora i silicotici del distretto industriale di Civita Castellana, dopo l’ordine del giorno di Rotelli e le sollecitazioni dei sindacati e dei partiti di sinistra verso la Regione Lazio, si aspettano giustizia o meglio il riconoscimento di poter usufruire della vaccinazione prioritaria in tempi congrui e brevi.