Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Tarquinia Lido, lungomare chiuso nel week end. Raffica di multe. Polemica sui social: "Poca informazione"

  • a
  • a
  • a

Tarquinia primo settimana di "lockdown" al Lido - con il Lungomare chiuso al terffico per evitare infrazioni-  pieno di polemiche. Raffica di infrazioni e tante le polemiche sui social da parte di cittadini e non solo per una scarsa informazione.

 

Alcuni operatori hanno cercato di utilizzare la rete per avvisare tutti i cittadini ma il viavai di auto, anche a causa del maltempo, è stato continuo. A finire al centro del contendere però l’ordinanza del comandante della Polizia locale. In calce all’atto si legge infatti testualmente. “Al fine dell’attività di controllo degli accessi, questi verranno chiusi tramite l’ausilio di adeguata transennatura”. Ed invece nessuna transenna solo un piccolo semaforo all’accesso principale e un cartello informativo senza preavviso negli accessi secondari. Un semaforo posto subito dopo uno stop ed una svolta che in molti hanno visto quando era troppo tardi.

 

Ordinanza uscita venerdì in vigore già dal sabato. “Serve un po’ di cash al comune, siamo il loro bancomat con le multe” , commentano sui social. “Almeno stamattina, se fanno le multe, il comune sta a posto per tutto l’anno”, aggiunge un’altra. C’è chi domanda perché questo provvedimento. La chiusura al transito veicolare a qualsiasi veicolo a motore, eccetto gli autorizzati, del tratto del Lungomare dei Tirreni dall’incrocio con via di Porto Clementino fino all’intersezione con viale delle Sirene e del lungomare dei Giardini dall’intersezione con viale delle Sirene fino all’intersezione con viale Colombo, sarà in vigore dalle ore 10 alle ore 19 dei giorni prefestivi e festivi. La decisione adottata dall'amministrazione comunale è stata in qualche modo obbligata. Negli ultimi fine settimana precedenti a quello del 7, complici anche le belle giornate di sole, in molti avevano scelto di passare qualche ora sul lungomare che si era affollato creando pericolosi assembramenti. In questo momento, con la curva dei contagi che ha ripreso a salire, non c'è stata altra scelta che chiudere.