Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, il sottosegretario Durigon: "Cassa integrazione per tutto il 2021"

  • a
  • a
  • a

C’è la proposta di estendere la Cassa integrazione per tutte le aziende fino alla fine dell’anno e di stralciare le cartelle esattoriali fino al 2015 e fino a 5 mila euro. Questi sono provvedimenti ai quali il governo sta lavorando”. L’annuncio è arrivato ieri, 6 marzo, dal sottosegretario per l’economia e le finanze del governo Draghi, il leghista Claudio Durigon, che in mattinata ha incontrato i vertici locali del partito nella location delle Terme dei Papi. Al tavolo, accanto a Durigon, anche il senatore della Lega, il viterbese Umberto Fusco. Nel corso dell’incontro il sottosegretario ha anche ribadito la sua contrarietà alla realizzazione di un deposito di scorie nucleari nella Tuscia, per il quale il governo Conte ha individuato 22 siti idonei al progetto.

 

Tornando invece alla proposta di stralcio delle cartelle esattoriali fino al 2015, il sottosegretario ha sottolineato: “Ne potremmo togliere di mezzo 65 milioni su un totale di 137 milioni che sono state inviate in tutta Italia. Lo stralcio delle cartelle fino a 5 mila euro darebbe la possibilità ai cittadini di respirare, in una fase di profonda crisi economica dovuta anche alla pandemia, e al tempo stesso all’Agenzia delle Entrate di porre l’attenzione su tutto ciò che si può recuperare in concreto”. Un altro passo per combattere la crisi proposto da Durigon è quello di estendere la cassa integrazione fino al termine del 2021 e per tutte le aziende. Sulla lotta al Covid, invece, il sottosegretario per l’economia e le finanze ha posto l’accento sulla necessità di introdurre un piano vaccini “per il quale sono previsti circa 2 miliardi. E’ necessario che l’Italia diventi il polo farmaceutico in Europa, il primo produttore di vaccini del Vecchio Continente”. 

 

Il senatore della Lega Umberto Fusco ha poi ribadito l’impegno del governo Draghi per lo sviluppo della Tuscia, sottolineato anche dalla delega al termalismo assegnata proprio a Durigon. “Non è un caso che io abbia deciso di fare la prima uscita ufficiale proprio in questa città – ha precisato il sottosegretario –. Questo territorio, infatti, così come il resto della regione, ha un ruolo fondamentale per il Paese. Per questa provincia possiamo fare tutto, tranne che portare il deposito delle scorie nucleari”. Parole che ribadiscono ancora una volta la totale contrarietà al progetto imbastito dal precedente governo. “Sono convinto – ha concluso Durigon puntando l’attenzione sul ruolo della Lega viterbese – che in questa realtà avremo sempre più forza. Nei prossimi giorni vedremo in che modo strutturarci in tutte le regioni, quindi anche nel Lazio e in particolare nella provincia di Viterbo. La Lega c’è, è potente e ha anche a disposizione i sindaci giusti per fare bene le cose”.