Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, furti nelle auto a Bagnaia. Denunciati due sedicenni

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Rubano da un'autovettura in sosta ma vengono traditi dalla tessera sanitaria del proprietario della vettura. Due sedicenni di Viterbo sono stati sorpresi dalle volanti della polizia. Sono stati denunciati a piede libero. Gli agenti, visto il coprifuoco in atto per il Covid dalle 22 alle 5, stavano controllando il territorio per verificare il rispetto di tali norme.

Intorno alle ore 3  della scorsa notte, la squadra volante ha intercettato in via Fiume due sedicenni, che alla vista della polizia  tentavano di nascondersi tra le auto in sosta. L’atteggiamento dei due non sfuggiva all’occhio attento dei poliziotti che dunque li hanno bloccati per identificarli.  I due, oltre a non rappresentare  un giustificato motivo del perché erano fuori casa nonostante il coprifuoco,  sono stati trovati in possesso di un grande coltello a serramanico, di denaro contante e di una tessera sanitaria appartenente ad un anziano signore residente in zona. Sentiti in merito al possesso della tessera sanitaria, gli stessi ammettevano di averla sottratta, insieme  al denaro   all’interno di una utilitaria parcheggiata a Bagnaia,  poi verificatasi come avente effettivamente la portiera forzata. Avevano aperto lo sportello con il grande coltello. I giovani avevano mantenuto il possesso della tessera sanitaria, elemento che ha dato origine alla risoluzione dell’indagine, al dichiarato fine di poter acquistare le sigarette dai distributori automatici, seppur minorenni. Ma è stato l'errore che ha permesso alla polizia di capire quanto avevano appena compiuto. Messi alle strette dai poliziotti sono crollati ammettendo il furto.

 

I ragazzi, gravati entrambi da precedenti specifici,  venivano denunciati per furto aggravato, sanzionati per non aver rispettato la normativa anti Covid ed affidati ai genitori. Per quanto riguarda l'episodio avvenuti nella notte sono stati denunciati a piede libero alla procura del tribunale dei minorenni di Roma che dovrà procedere. L'ipotesi contestata ai due sedicenni è quella di furto aggravato.