Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, spaccio. I carabinieri scoprono una serra per coltivare marijuana a Capranica. Due arresti

  • a
  • a
  • a

Avevano allestito una serra in casa per produrre in proprio la droga e, questa è l'ipotesi degli investigatori, spacciarla. Tuttavia l'attività che avevano messo in piedi due uomini di Capranica è finita nel peggiore dei modi. I due sono stati scoperti dai carabinieri che hanno sequestrato tutta la loro produzione e li hanno arrestati.

Protagonisti dell'operazione i carabinieri della stazione di Capranica che sono riusciti a stroncare il giro messo in piedi nella zona grazie a un controllo ad ampio raggio nel territorio. Uno dei servizi preventivi che servono appunto a stroncare sul nascere le attività di spaccio. L'attenzione dei militari negli ultimi giorni era stata concentrata proprio su quei due uomini. I loro movimenti erano apparsi sospetti ai militari che hanno iniziato a seguire le loro mosse fino a che non hanno deciso di intervenire.

I due presunti spacciatori allora sono stati bloccati e perquisiti. I carabinieri gli hanno trovato addosso 50 grammi di marijuana essiccata. Insomma l'attività informativa che era stata avviata sul loro conti era fondata. Una volta sequestrata la droga i militari hanno deciso di dare un'occhiata anche alla casa di uno dei due. Durante la perquisizione dell'immobile in un intercapedine ricavata nel garage i carabinieri hanno trovato una serra artigianale con lampade, ventilatori ed essiccatori. Insomma tutto ciò che serviva per produrre e coltivare la marijuana in casa.

Al termine delle operazioni, i due sono stati dichiarati in arresto ed il materiale è stato tutto sequestrato. Ora le indagini proseguono per capire quanto era vasto il giro che i due stavano mettendo in piedi. Si trattava solo di una produzione destinata a pochi amici consumatori oppure era destinata ad alimentare lo spaccio nella zona intorno al Comune? Per adesso i due sono agli arresti in attesa delle decisioni dell'autorità giudiziaria. In procura è stata inviata l'informativa dei carabinieri.