Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo Covid, contagi nelle scuole. Impennata di nuovi casi

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Sono oltre 170 in tutta la Tuscia, 31 solo a Viterbo città, su un totale di 10mila studenti. Torna altissimo l’allarme contagi nelle scuole della provincia con lo spettro della variante inglese che aleggia nell’aria. Il sindaco del capoluogo non nasconde la sua preoccupazione per l’impennata di casi registrati negli ultimi giorni negli istituti della città e sta valutando anche la possibilità di chiudere in via precauzionale, d’intesa con la dirigente, l’istituto comprensivo paritario Merlini dove tre classi sono state poste in quarantena.

Le scuole a Viterbo tornano dunque sorvegliate speciali. L’affacciarsi delle varianti, in particolare quella inglese che si diffonde soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione, ha finito per sgretolare tutto il castello di carte costruito dall’ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, ancora convinta - a leggere i suoi post sui social contro il governatore campano Luigi De Luca - che le scuole siano i luoghi più sicuri sulla Terra e non uno dei maggiori veicoli di diffusione del Covid, come anche lo stesso Cts ora sembra ammettere. Sono soprattutto i numeri di Viterbo città a spaventare: ieri mattina, 27 febbraio, i contagi negli istituti del capoluogo erano, come detto, 31, su un totale di 163 persone complessivamente positive. In pratica il 19% del totale. Una percentuale che alimenta i sospetti su una possibile presenza anche a Viterbo della variante inglese, anche se, come detto, finora i tamponi spediti allo Spallanzani di Roma hanno dato tutti esito negativo. Nemmeno nel pieno della seconda ondata il rapporto tra alunni contagiati e totale dei positivi era stato così alto. “Due mesi fa i positivi a Viterbo erano 1300 - ricorda il sindaco - con 180 contagi complessivi nelle scuole”. Il rapporto era quindi al 13%. Nel dettaglio, sempre alla data di ieri, a Viterbo città risultavano contagiati 8 alunni alla scuola dell’infanzia, 10 alla primaria, 5 alle medie e 8 alle superiori. Tutti in pochi giorni: solo nella giornata di ieri l’incremento è stato di +5 alunni all’infanzia, + 1 alla primaria e +2 alle medie.

Il totale provinciale, invece, supera le 170 unità tra gli alunni, ai quali vanno aggiunti i 55 positivi tra il personale docente non docente. Aumentano anche gli istituti che fermano le attività didattiche: a Civita Castellana il sindaco Luca Giampieri ha chiuso fino all’8 marzo l’asilo nido Rosa Cardinali di via Palmiro Togliatti, mentre a Monterosi, dove gli attualmente positivi sono 56, Giglietti ha prorogato lo stop delle lezioni nelle scuole di altre due settimane. A Viterbo Arena attende la giornata di lunedì per decidere un’eventuale chiusura dell’istituto comprensivo Merlini: “Se i casi positivi tra gli alunni dovessero aumentare ancora - anticipa il sindaco - farò le mie valutazioni insieme alla dirigente scolastica. Certo è che questo aumento dei contagi nelle scuole nel giro di pochissimi giorni non ci fa stare tranquilli”.