Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, due etti di cocaina sotto sequestro. Blitz dei carabinieri in un appartamento

  • a
  • a
  • a

Sequestrati due etti di cocaina all'interno di un appartamento del capoluogo. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Viterbo, al termine di un lungo servizio di osservazione svolto verso un’abitazione che era stata segnalata come meta di frequentazione di consumatori di droghe, hanno visto uscire un soggetto sospettato di avere acquistato droga ed immediatamente lo hanno fermato trovandolo in possesso di oltre 5 grammi di cocaina.

Subito bloccato i carabinieri hanno quindi fatto accesso nell’ appartamento dove aveva appena preso la droga e lo hanno perquisito trovando altri 185 grammi di cocaina già divisa in dosi e pronta per lo spaccio; lo spacciatore è stato quindi arrestato e tradotto presso il carcere di Frosinone mentre l’ assuntore sarà segnalato alla Prefettura.

La scorsa settimana, sempre i carabinieri, avevano fermato per spaccio un artigiano. L'auto dell'uomo è stata fermata dai militari del nucleo operativo e radiomobile di Viterbo per uno dei normali controlli che l'Arma aveva predisposto per il fine settimana. La vettura condotta dall'artigiano stava percorrendo la Sammartinese e i militari gli hanno impartito l'alt. Una normale verifica: patente, libretto, assicurazione. Ma l'atteggiamento dell'uomo al volante ha insospettito i carabinieri. Era stranamente nervoso. Come se volesse allontanarsi in fretta. Allora i militari lo hanno fatto scendere ed hanno iniziato a perquisire l'abitacolo. All'interno i carabinieri hanno trovato circa 20 grammi di una polvere bianca, che poi è risultata essere cocaina e 2 grammi di marijuana. L'uomo è stato dunque accompagnato in caserma poi, come di routine in questi casi, i carabinieri hanno deciso di "visitare" anche la sua abitazione. Dalla perquisizione nell'appartamento sono spuntati fuori altri 28 grammi di hashish oltre a materiale che gli investigatori considerano idoneo per confezionare le dosi. Tutto è stato sequestrato ed entrerà nel fascicolo di indagine. Per quanto riguarda l'artigiano per lui sono scattati gli arresti domiciliari. E' stato accompagnato dunque nella sua abitazione dove dovrà restare in attesa delle decisioni dell'autorità giudiziaria. L'informativa dei carabinieri è stata inviata in Procura.