Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Carnevale Civita Castellana senza sfilate. Ma ci saranno i frittelloni

  • a
  • a
  • a

Civita Castellana, il frittellone è il piatto più amato della tradizione culinaria del Carnevale civitonico. E se quest’anno, a causa della pandemia, i cittadini sono costretti a rinunciare a divertirsi sfilando in maschera per le vie del paese, tuttavia potranno continuare a mangiare questa crepes deliziosa e unica. 


Proseguendo lungo il solco culinario locale tracciato per decenni dalle abili mani delle massaie falische, lo chef Leonardo Morelli e la mamma Catia delle Ghiottonerie del Moro spiegano: “Il frittellone falisco è un tipo di crepe non fritta, ma cotta in padella. I suoi ingredienti sono l’uovo, l’acqua e la farina ai quali si aggiunge l’immancabile pecorino romano. Una pietanza semplice quindi, ma dalla bontà eccezionale”.

 

Non a caso, durante il periodo carnevalesco, nessun civitonico rinuncia a mangiarselo con gusto, anche perché si dice (ed è assolutamente vero) che uno tira l’altro finché non si è sazi! Nel 2019 il frittellone venne cucinato e presentato dallo chef Leonardo Morelli addirittura su Linea Verde su Rai1, riscuotendo un grande successo. Ma l’amore e la passione dei civitonici per la loro gustosa e sottile crepe diventa pura poesia con il bellissimo componimento intitolato “O’ Frittellone” del poeta falisco Alessandro Soli che, elogiandolo in rima, scrive: “O segreto stà ner fatte fino, fino, come ‘a pelle/ addopranno due o tre padelle. Poi si ‘ncaciato e ‘rrotolato secondo ‘a tradizione/ che fa strillà a tutti: si proprio bono frittellone!”.