Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, opere a rilento. Il Comune perde 914 mila euro

  • a
  • a
  • a

Il Comune di Viterbo restituisce alla Ragioneria dello Stato 914 mila euro di finanziamenti per lavori pubblici che non è riuscito ad affidare nei tempi previsti dalla legge di bilancio. Tutta moneta sonante che, per le lentezze della giunta, ora nelle casse di Palazzo dei Priori non tornerà più. 

 

Si tratta di parte dei fondi (3 milioni e 200 mila euro) originariamente stanziati, tramite un emendamento del senatore Michele Bonatesta risalente al 2004, per l’esecuzione delle opere accessorie all’aeroporto. Non impegnati dall’amministrazione Marini (2008-2013), anche in quel caso per mancanza di progettazione, erano andati in perenzione. Successivamente furono però recuperati dall’amministrazione Michelini, che si fece promotrice di un nuovo emendamento alla Finanziaria sotto il Governo Gentiloni. Dovevano servire (e a queste destinazioni erano vincolati) per il parcheggio delle Fortezze, l’asfaltatura di alcune strade, il parcheggio fuori Porta Faul, i dossi in via Garbini, la viabilità nelle frazioni, la sistemazione di Valle Pierina a Bagnaia, il collegamento pedonale a Valle Faul, la piazza di Magugnano, la sistemazione della strada centrale di Roccalvecce e di via Doria Pamphilj a San Martino. E invece niente. La giunta non è riuscita a spenderli tutti: alcuni lavori sono stati fatti, in parte iniziati dall’amministrazione Michelini, altri sono rimasti nel libro dei sogni.

 

 

A certificare la poco onorevole resa di Palazzo dei Priori c’è una lettera, inviata alla Ragioneria generale dello Stato lo scorso 2 febbraio dal dirigente dei lavori pubblici, l’architetto Massimo Gay. Dopo la sollevazione del problema, lo scorso 28 ottobre in Consiglio comunale, da parte del capogruppo del Pd, Alvaro Ricci, che fece presente il rischio che si stava correndo, l’ex vicesindaco, Luisa Ciambella, che molto si spese per il recupero di quei soldi, ora non ha dubbi: “Il grido di allarme lanciato in Consiglio non è servito a nulla. La giunta Arena ha buttato via un’ennesima opportunità, prendendosi una responsabilità immensa visto che è riuscita ancora una volta a vanificare il lavoro improbo fatto dalla precedente giunta. Tutto ciò a dimostrazione dell’inadeguatezza degli attuali inquilini del Comune. L’accaduto è gravissimo. Non passa giorno senza che non arrivino proteste per il dissesto delle strade e altre carenze, come la mancanza di posti auto, ma noi niente: quando i soldi li abbiamo, preferiamo non spenderli”. Da notare che tra i lavori non eseguiti ci sono quelli per il parcheggio delle Fortezze (quasi 250 mila euro).