Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, coltellate alla compagna durante un litigio. Arrestato pensionato di Capranica

Beatrice Masci
  • a
  • a
  • a

E’ stata accoltellata più volte, sia all’addome che alla schiena. La donna, una straniera di 53 anni, L. K. le sue iniziali, è ricoverata in prognosi riservata in un ospedale romano. Non sarebbe in pericolo di vita. Il compagno, A. A. pensionato di 62 anni, è in ospedale, a Tarquinia, per una ferita alla pancia, auto inferta per sviare le indagini secondo gli inquirenti. E’ piantonato e in stato di arresto con l’accusa di tentato omicidio. La permanenza in ospedale non sarebbe determinata dalle sue condizioni di salute, visto che la sua ferita è superficiale, ma solo perché il giudice dovrà decidere se chiedere o meno un esame psichiatrico.

Questi i contorni di quanto accaduto venerdì sera in un’abitazione alla periferia di Capranica, dove i due, coppia stabile da anni, vivono. Erano da poco passate le 16 di venerdì quando i vicini di casa hanno sentito le urla nell’abitazione accanto. Urla di una lite furiosa tra i due. Poi hanno sentito chiedere aiuto. Temendo il peggio hanno chiamato i carabinieri. Quando i militari sono arrivati sotto casa hanno trovato la donna sporca di sangue. Saliti in casa hanno trovato il compagno, anche lui sporco di sangue, ma in modo lieve. Lei è stata trasferita a Belcolle, mentre lui all’ospedale di Tarquinia. Solo in tarda serata, quando è stato possibile raccogliere le testimonianze dei vicini ma soprattutto quella della donna accoltellata, la verità è iniziata ad emergere, e quella che in un primo momento sembrava essere una lite finita a coltellate, si è tramutata in un tentato omicidio. Quello di lui che avrebbe tentato di uccidere la compagna anche mentre lei cercava di scappare.

Uno scenario che ha portato il giudice ha firmare il mandato di arresto. Sembra certo che si sia trattato di un raptus. I vicini hanno infatti parlato di una coppia tranquilla, lui in pensione lei impiegata. Una coppia serena che non aveva mai dato adito a sospetti di alcun genere. Non li avrebbero mai sentiti litigare. Di certo non come l’altra sera. In casa i carabinieri hanno trovato il coltello. Una semplice lama di uso domestico, sporca di sangue. Quello della donna, ma forse anche quello dell’uomo che si sarebbe ferito volontariamente.