Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, coltellate durante lite in famiglia. Coppia di Capranica in ospedale, lei è in gravi condizioni

  • a
  • a
  • a

Lite in famiglia finisce a coltellate. E’ successo nel pomeriggio del 29 gennaio a Capranica. Quando i carabinieri sono arrivati, avvisati dai vicini richiamati dalle urla di una coppia - lei, L. K. di 53 anni e lui italiano, A. A. le sue iniziali - hanno trovato la donna in strada. Aveva ferite da taglio. I militari sono saliti in casa e hanno trovato il compagno, anche lui con una ferita all’addome. La coppia è stata accompagnata in ospedale per essere medicata. A quanto pare lei è in prognosi riservata.

Non si esclude che al culmine di una lite, la donna sia stata ripetutamente colpita con un coltello. Mentre lui potrebbe essersi ferito per sviare le indagini. Come detto sono stati i vicini di casa a sentire le urla. Una lite furiosa ma anche richieste di aiuto. Preoccupati che potesse accadere il peggio, hanno chiamato i carabinieri: “Correte, c’è una furiosa lite nell’abitazione accanto. Si sente urlare e chiedere aiuto”. Tempo pochi minuti e una pattuglia è arrivata sotto casa della coppia. I militari hanno visto la donna, aveva i vestiti sporchi di sangue ed era chiaramente sconvolta. L’hanno soccorsa e portata in ospedale. Altri militari sono saliti in casa e hanno trovato il compagno. Era in cucina e anche lui aveva una ferita riconducibili a un’arma da taglio.

A quel punto anche l’uomo è stato accompagnato in ospedale per essere medicato. In attesa di poter parlare con i due e capire cosa è effettivamente successo in casa, i carabinieri sono tornati nell’abitazione e hanno effettuato la perquisizione sequestrando tutti i coltelli e le armi da taglio che hanno trovato. Forbici comprese. E’ possibile che tra i coltelli e le forbici si riesca a trovare qualche oggetto sporco di sangue. Al momento l’ipotesi è che i due, al culmine di una furiosa lite per motivi non chiari, siano arrivati alle botte prima e ai coltelli poi. Già oggi la situazione potrebbe essere chiarita. I carabinieri, infatti, ieri sera hanno ascoltato i vicini di casa, a cominciare da chi ha dato l’allarme, per capire se era la prima volta che i due si sentivano urlare oppure se anche in passato sono successi fatti simili.