Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mascherine con firme false, perquisito un magazzino vicino a Civita Castellana

  • a
  • a
  • a

Perquisito un magazzino nella zona di Civita Castellana dove partivano dei semilavorati per creare mascherine e altri accessori con firme false. Numerose stoffe sono state sequestrate. Il commercio di dispositivi con brand taroccati è stato scoperto dai finanzieri di Torino al termine di un’indagine su scala nazionale. Tutto è partito i controlli in due laboratori gestiti da asiatici nella cintura torinese e nel quartiere Barriera a Milano. Lì venivano prodotte mascherine o accessori con i marchi falsificati di Chanel, Gucci, Giorgio Armani, Louis Vuitton, Adidas, Burberry.

L’indagine è partita dall’individuazione su alcuni social network delle pagine a tema gestite da due donne dove venivano pubblicizzati e offerti i prodotti illeciti. Mascherine, foulard, pochette, borsette, copri agenda i gadget più richiesti. I due “ateliers” erano gestiti da due quarantenni italiane le quali, attraverso macchinari all’avanguardia, confezionavano vari accessori di abbigliamento e dispositivi di protezione individuale, apponendo sugli stessi loghi contraffatti di marchi internazionali, così da trasformarli in ricercati articoli alla moda. Oltre 600.000 i marchi contraffatti a “stampa sublimatica diretta su tessuto” sequestrati, unitamente a migliaia di metri di filato ed a 3 macchinari necessari alla cucitura e al confezionamento dei prodotti fals