Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ubriaco al volante provocò incidente sulla Circonvallazione di Ronciglione. Condannato a 6 mesi

Valeria Terranova
  • a
  • a
  • a

E’ stato condannato a sei mesi di reclusione un uomo, di origini straniere, accusato di guida in stato di ebbrezza aggravata dall’aver causato un incidente stradale sulla circonvallazione di Ronciglione nel febbraio del 2017. Secondo la ricostruzione riferita in aula da un ex agente della polizia stradale, l’uomo sarebbe sbucato da una strada secondaria sulla carreggiata in direzione Monterosi, occupando la corsia con la sua Peugeot e sbarrando la strada a una Citroen C2 alla cui guida vi era una signora che nell’impatto riportò delle lesioni. “In quel tratto di strada non era presente la segnaletica verticale. Ma quando abbiamo controllato l’uomo abbiamo notato che non era lucido e aveva l’alito di uno che aveva bevuto - ha dichiarato in aula l’agente attualmente in pensione -. Così abbiamo effettuato dei test, servendoci dell’etilometro precursore per verificare l’eventuale assunzione di alcol da parte del conducente. I risultati hanno riscontrato un tasso alcolemico elevato, pari a 3 g/l, molto al di sopra del limite consentito che è di 0,5 g/l. Poco dopo abbiamo eseguito un secondo alcoltest il cui risultato era di 2,87 g/l. Lo abbiamo identificato sul posto tramite il documento di identità e la patente di guida”.

Il pm, nella requisitoria, ha chiesto che l’imputato fosse condannato a otto mesi, a un’ammenda di 2.000 euro e fosse disposta la revoca della patente. L’avvocato difensore, Walter Pella, ha richiamato l’attenzione sulla segnaletica inesistente e sui dubbi circa l’effettiva responsabilità del suo assistito, sostenendo che non è stato provato che fosse stato lui a determinare la collisione con l’altra auto, facendo istanza di assoluzione per non aver commesso il fatto. Alla fine, il verdetto del Tribunale ha condannato l’imputato a sei mesi di reclusione, al pagamento di un’ammenda di 1.500 euro e delle spese processuali, stabilendo nei suoi confronti anche la sospensione della patente per un anno e la confisca del mezzo.