Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, il Comune spenderà 2 milioni di euro per la cura del verde in città e nelle frazioni

Alessandro Quami
  • a
  • a
  • a

Due milioni di euro di lavori per il verde pubblico rivoluzioneranno Viterbo e frazioni. Con un nuovo Pratogiardino prima di tutto, ma con la riqualificazione dei parchi delle frazioni e di molti viali alberati che necessitano di rivitalizzazione o manutenzione. È quanto affermato dai vertici della giunta comunale, il sindaco Giovanni Arena e il suo vice, Enrico Contardo. Che hanno presentato la “rivoluzione” del verde urbano in una videoconferenza con degli esperti di settore: il professore del Dafne dell’ateneo viterbese, Giorgio Balestra, e Rocco Sgherzi, di Urbantree.it, professionista del verde urbano che collabora con l’università di Viterbo.

Arena dice senza mezzi termini che “con la presenza di questo piano, adesso dovremo essere bravi a realizzare tutti i lavori in tempi giusti per trasformare Viterbo”. Il sindaco lo definisce il “piano regolatore degli alberi: dalle potature al reimpianto e abbattimento. Uno strumento anche di prevenzione per evitare danni: “Gli alberi cadenti sono un pericolo da evitare”, sono le parole di Arena. “Nel verde pubblico abbiamo triplicato gli investimenti nel 2020: non voglio più vedere un filo d’erba nella cittaà"

Sgherzi ha precisato: “Abbiamo identificato 51 piante morte su oltre 2700. E inserito tutto in un database per tutte le operazioni da fare su alberi nel tempo. Ogni anomalia futura sarà rintracciabile”. Una curiosità: “Il Tiglio è l’albero più presente a Viterbo: ce ne sono 825. Mentre ci sono 148 Platani (soprattutto a viale Trieste e a Prato giardino). I Pini sono stati piantati senza un disegno organico e dovranno essere progressivamente sostituiti in quanto non il Pino non è adatto a vivere in aree dove c’è tanto traffico”, ha precisato Rocco Sgherzi.