Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Capranica, mascherine acquistate a caro prezzo. Scoppia un nuovo caso, interrogazione della minoranza

  • a
  • a
  • a

Capranica, dopo quelle acquistate dalla Comoflex, azienda locale che fa capo a un consigliere comunale, spuntano anche le mascherine acquistate dalla New Power, azienda romana che, secondo l’opposizione, sarebbe riconducibile allo zio della vicesindaco Katia Taste.

A sollevare il caso l’associazione “VII Luglio - Il coraggio di cambiare” e il consigliere comunale Franco Cavalieri, che sulla vicenda ha presentato un’interrogazione scritta.

“Siamo stati accusati, minacciati - dicono i responsabili dell’associazione - solo perché abbiamo chiesto alla nostra amministrazione come avesse speso i soldi di noi contribuenti. L’abbiamo chiesto in un periodo drammatico come quello che stiamo vivendo, con una pandemia che sta mettendo in crisi le nostre certezze sociali ed economiche. Lo abbiamo chiesto perché ogni euro speso male è un euro tolto ai tanti capranichesi che, con sacrificio ed impegno, stanno tentando di superare questa crisi. Pensavamo che la vicenda delle mascherine della Comoflex, comprate e mai consegnate, fosse un episodio occasionale. Abbiamo chiesto spiegazioni al nostro sindaco, abbiamo ricevuto reazioni scomposte e offensive, ma la verità ancora la aspettiamo. E mentre aspettiamo, ci accorgiamo che il 30 aprile 2020, il Comune non compra le mascherine solo dalla Comoflex, ma anche da una società di Roma, la New Power srl”.

Si parla in questo caso di 1000 mascherine al costo di 2,68 ciascuna (Iva compresa), “mentre per legge - si nota nell’interrogazione - non dovevano costare più di 0,50. Dunque, 1000 mascherine ad un prezzo oltre 5 volte quello stabilito per legge e, soprattutto, ad prezzo oltre il doppio di quelle della Comoflex. Perché - si chiedono la ‘VII Luglio’ e Cavalieri - paghiamo 5 volte di piu le mascherine? Perché, se le mascherine le compravamo dalla Comoflex, le compriamo pure, e a prezzi ancora più alti, dalla New Power srl?”.

Ma chi è la New Power srl? “Quando chiedemmo della fornitura della Comoflex - risponde l’associazione - ci venne risposto dal sindaco che in una situazione di urgenza il Comune si era rivolto a una impresa di Capranica, che aveva fatto un prezzo di favore. Bene. E allora la New Power srl che c’entra? C’entra perché risulterebbe che il socio unico e amministratore di questa società sia un omonimo dello zio della vice sindaco Taste”.

La conclusione: “Diteci che stiamo sbagliando, diteci che il signor D’Arienzo non è lo zio della vice sindaco. Diteci che non è vero, perché se fosse vero anche questa volta e il Comune di Capranica ha comprato 1000 mascherine a 5 volte il prezzo di legge dallo zio della vice sindaco, illustre componente dell’assemblea nazionale del Pd, allora vuol dire che, mentre noi cittadini eravamo preoccupati, spaventati, incerti del nostro futuro, chi ci amministrava faceva prevalere interessi privati rispetto al bene comune”.