Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, altre 5 scuole della Tuscia costrette a chiudere. Lezioni in presenza sospese a Canino e Piansano

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Altre cinque scuole sono costrette a sospendere le lezioni in una provincia, il Viterbese, sempre più contagiata, dove la seconda ondata dell’epidemia sta condizionando pesantemente l’attività didattica in tutti i comuni.

Ieri, domenica 25 ottobre, ha firmato un’ordinanza che sospende fino al 1° novembre le lezioni in presenza, nelle scuole di ogni ordine e grado dell’Istituto Paolo III e della scuola dell’infanzia Pio XII, il sindaco di Canino Lina Novelli. Già sabato il sindaco di Piansano, Roseo Melaragni, aveva firmato un provvedimento analogo per il plesso che raccoglie scuola primaria e dell’infanzia. Ieri nel paese si sono registrati 5 casi, tra i quali un minore legato al cluster scolastico. Sia a Canino che a Piansano insegna un docente di educazione fisica, che frequentava tutte le classi, risultato positivo da una settimana. 

A Nepi tampone positivo per una bambina che frequenta la scuola dell’infanzia. Per questo motivo, per procedere cioè alla sanificazione degli ambienti, il sindaco Franco Vita ha disposto la chiusura, per la giornata di oggi, delle classi e della mensa situata nella sede centrale dello Stradella. Sempre per disinfestazione resteranno chiuse a Civita Castellana le scuole Dante Alighieri e Don Bosco.