Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, morto il giornalista viterbese Giovanni Bartoloni. Da collaboratore del Corriere di Viterbo agli incarichi da portavoce

  • a
  • a
  • a

E’ morto per Covid, dopo 5 giorni di ricovero allo Spallanzani, il giornalista di Soriano nel Cimino Giovanni Bartoloni, da molto tempo trapiantato a Roma. Già collaboratore del Corriere di Viterbo negli anni Novanta, era stato assistente del ministro Augusto Fantozzi, collaboratore di Enrico Gasbarra, aveva lavorato all'agenzia delle entrate al fianco di Ruffini. Attualmente era portavoce del vicepresidente della Regione, Daniele Leodori. Era alle prese con sintomi influenzali da oltre 15 giorni. Quando è arrivato in ospedale, era ormai troppo tardi. La terapia intensiva non è riuscita a salvarlo. Lascia la moglie e un figlio piccolo.
"Giovanni Bartoloni ha combattuto con tutte le sue forze la battaglia contro questo maledetto coronavirus, ma non ce l'ha fatta. Giovanni, un uomo dal cuore grande, un professionista impareggiabile, un amico vero. È difficile per me trovare le parole, mi sembra tutto così terribilmente assurdo. Resta la fortuna di aver condiviso con lui una parte del cammino, che non doveva finire così", ha scritto su Facebook il segratario del Pd Lazio Bruno Astorre.