Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Paolo Bianchini inizia lo sciopero della fame. "Voglio uccidere i ristoranti"

  • a
  • a
  • a

Coronavirus, Paolo Bianchini inizia lo sciopero della fame. "Voglio uccidere i ristoranti".
Paolo Bianchini rappresentante di Mio Italia e Federturismo Confindustria ha iniziato la protesta per sensibilizzare Mattarella e Conte sul problema dei ristoratori e dei gestori di locali pubblici in difficoltà per la crisi legata all'emergenza sanitaria e preoccupate per le nuove strette annunciate in questi giorni. "Ci hanno ridotto alla fame e, così, ho iniziato lo sciopero della fame, per sensibilizzare tutti sulla vergogna di un governo che ha terrorizzato l’Italia, ha messo in ginocchio bar, ristoranti e, più in generale, il comparto dell’ospitalità e, con i recenti provvedimenti, sembra aver deciso di ucciderci", si legge in una lettera aperta diffusa da poche ore. "Servono interventi economici immediati, in base alle differenze reali di fatturato, per dare aiuto concreto all’intero settore.  Non solo: vanno bloccate immediatamente, per tutto il periodo dell’emergenza sanitaria, le cartelle esattoriali e tutti i procedimenti di pignoramento dei conti bancari, per non peggiorare ulteriormente la situazione di tante aziende che stanno vivendo una crisi nera", aggiunge Bianchini.