Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbese preso a coltellate. L'aggressore condannato a tre anni e mezzo per tentato omicidio

  • a
  • a
  • a

Sferrò al rivale un fendente così violento che il coltello da cucina si spezzò. Per fortuna il 48enne vittima dell’aggressione riportò una ferita non mortale. Un albanese di 42 anni accusato di tentato omicidio è stato condannato giovedì 15 ottobre a tre anni e sei mesi di reclusione. I fatti sono avvenuti lo scorso gennaio a Sansepolcro in provincia di Arezzo. L’italiano, di Viterbo, fu colpito al torace e venne trasportato al pronto soccorso, poi in elicottero a Siena. L’albanese, che si era allontanato, venne rintracciato dai carabinieri e arrestato. L’avvocato Alessandro Mori ha chiesto di derubricare il reato da tentato omicidio a lesioni personali gravi aggravate dall’uso di arma. Il pm Chiara Pistolesi ha invece concluso proponendo una condanna a cinque anni di reclusione. Il giudice Giulia Soldini al termine della discussione ha fissato la pena in tre anni e mezzo.