Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Riconoscimento lavoro usurante in ceramica, interrogazione di Battistoni al Governo

  • a
  • a
  • a

“Ho chiesto ufficialmente al Governo la sua posizione sullo status di lavoro usurante per ceramisti”. Lo sottolinea il senatore Francesco Battistoni (FI), annunciando di aver presentato una interrogazione ai ministri della Salute e del Lavoro per sapere se è intenzione del Governo inserire il lavoro nelle fabbriche di ceramica nell’elenco dei lavori cosiddetti usuranti. “I dati sulla silicosi a Civita Castellana sono lampanti - afferma Battistoni - e ci parlano di un 85% di casi rispetto a tutto il Lazio e di un 8% in relazione ai casi di tutta Italia. Numeri importanti, di cui si deve tener conto. Per questo credo sia giusto che il Governo chiarisca se è nelle sue intenzioni concedere lo status di lavoratore usurante ai nostri operai, riconosciuto finora a quei lavori le cui mansioni pratiche sono spesso fonte di infortuni”.

Tra i benefici legati a questo tipo di lavori emerge quello relativo alla pensione di anzianità, che in quanto pensione per i lavori usuranti comporta particolari vantaggi nel trattamento economico e anche nello stesso conteggio dell’anzianità. “Spero che i ministri Roberto Speranza e Nunzia Catalfo - conclude Battistoni - possano celermente dare seguito a questo atto di sindacato ispettivo che reputo doveroso e mi auguro serva a fare definitamente chiarezza su un tema molto importante per la nostra provincia”. A sostegno di tale richiesta, va ricordato che, con il decreto legislativo numero 44 del primo giugno 2020, anche l’Italia ha attuato la direttiva europea 2017/2.398 del 12 dicembre 2017 relativa alla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti dall’esposizione ad agenti cancerogeni durante il lavoro, tra i quali è segnalata la polvere di silice cristallina respirabile, generata nei procedimenti di lavorazione. Una legge che riconosce la natura cancerogena della silice al di sopra del limite di 0,1 milligrammi per metro cubo. Ora si chiede al Governo di intervenire, dopo la legge, con il riconoscimento di lavoro usurante anche per i ceramisti del distretto di Civita Castellana.