Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ferrovia Roma Nord, cancellati quasi tutti i treni del mattino da Viterbo a Catalano. la protesta degli studenti

Simone Lupino
  • a
  • a
  • a

Tre treni utili nella fascia scolastica mattutina da Civita Castellana a Viterbo (orario di arrivo 7.15, 8.10, 9.00), niente invece nella direzione opposta. La prima corsa giornaliera per il sud della provincia parte dalla stazione di viale Trieste alle 4.20. Troppo presto. Mentre il treno successivo è previsto cinque ore dopo, alle 9.11, fuori tempo massimo per il suono della campanella.

E’ protesta da parte di alcuni genitori i cui figli studiano fuori dal capoluogo per il nuovo orario invernale della Ferrovia Roma Nord entrato in vigore lunedì: “Un orario troppo viterbocentrico”, affermano. IAtac ha risposto alle critiche tramite il proprio profilo Twitter (@infoatac): “La circolazione ferroviaria - specie in una linea a binario unico come la Roma-Viterbo - segue regole di sicurezza rigidissime che limita il numero di treni circolanti contemporaneamente. Nella redazione del nuovo orario sono stati attivati treni sulla direttrice con maggiore frequentazione (circa 1000 viaggiatori nell'ora di punta). In direzione Catalano, nella fascia mattina sono presenti anche i servizi di @BusCotral”.

Le lamentele riguardano la cancellazione del treno delle 6 Viterbo-Civita Castellana.

Un treno molto frequentato fino all’anno scorso. Ogni mattina, infatti, partiva dalla stazione con un carico di circa trenta passeggeri a bordo e tanti altri se ne aggiungevano alle fermate successive. A restare a piedi non solo chi si deve recare a scuola (studenti e personale scolastico) ma anche tanti pendolari, come i lavoratori che da Fabrica e Vignanello si spostano verso Civita e Roma. Inoltre, la corsa delle sei era utile per raggiungere l’ospedale di Civita Castellana sia dai centri limitrofi che dal capoluogo. Molti pazienti infatti, in base alle disponibilità delle liste di attesa, vengono indirizzati all’Andosilla soprattutto per gli esami endoscopici che si svolgono quasi sempre la mattina.

“Mia figlia – scrive Barbara da Vitorchiano commentando il nuovo orario su Facebook - deve andare a scuola a Vignanello e non ha treni che arrivino in orario scolastico. L'anno scorso è stata costretta a entrare alle 9.00 tutte le mattine: quest'anno neanche questo”.

“Un orario ad hoc - lamenta invece Fulvio - ma non per tutti gli studenti, è stato tolto l'unico treno che potevano prendere gli studenti che partono da Viterbo”. Ci sarebbe in realtà anche un treno alle 8.18, “ma si ferma a Bagnaia e il successivo parte alle 9.11, impossibile da prendere per andare a scuola, comportamento vergognoso che continua visto che già lo scorso anno, dopo aver acquistato l'abbonamento studenti, il giorno 16 Atac ha tolto i treni utili”.