Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morto dopo essere stato accoltellato a Roma. Fermato un portiere residente a Canepina. Ecco chi è

  • a
  • a
  • a

Un uomo di Canepina è stato fermato dai carabinieri, in relazione all’omicidio di un un 43enne avvenuto la notte del 14 settembre a Roma. Il fermato si chiama Salvatore Cau, ha 44 anni, vive a Canepina da oltre un decennio e lavora come portiere nell’albergo della capitale davanti al quale si è consumato il delitto.

L’omicidio è avvenuto nella a Roma, in via Borghesano Lucchese, zona Portuense. La vittima è il 43enne romano Emanuele Mattei, morto dopo essere stato accoltellato intorno alle 2. Sembrerebbe sia tutto avvenuto al culmine di una lite, anche se i contorni della vicenda non sono ancora chiari.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri, chiamati da alcuni residenti che avevano sentito trambusto. Inutili i soccorsi per il 43enne, che è stato trovato riverso a terra in strada. Le ricerche del Norm di Roma, del nucleo operativo della compagnia di Trastevere e della stazione di Porta Portese, hanno consentito di rintracciare due uomini, poi portati in caserma per essere ascoltati. La loro posizione è stata presa in esame dagli inquirenti.

Secondo una prima ricostruzione la vittima avrebbe avuto un acceso diverbio con due uomini all'interno di un'auto. Ad un certo punto Emanuele Mattei avrebbe cominciato a prendere a calci la portiera dell'auto, dalla quale sarebbe poi sceso uno dei due presenti che gli avrebbe inferto una coltellata, risultata poi fatale. Quindi la fuga a bordo della vettura.

Allertati i soccorritori, per il 43enne romano non c'è stato nulla da fare, è morto prima di poter essere soccorso. Accertato il decesso dell'uomo, immediate sono cominciate le indagini da parte dei carabinieri che hanno bloccato poco dopo un primo indiziato, tornato sul luogo delle violenze e riconosciuto da alcuni testimoni. Dopo aver acquisito alcuni elementi i militari del Nucleo Radiomobile di Roma hanno quindi rintracciato il canepinese.