Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, lunghe code all'ufficio anagrafe

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Anagrafe: fine pena mai. E' destinato a protrarsi il caos negli uffici di via Garbini, gli unici attualmente aperti. Non c'è infatti ancora una data di conclusione dei lavori in piazza Fontana Grande, dove gli sportelli sono attualmente chiusi al pubblico per mancanza delle minime condizioni di sicurezza.  Lo conferma l'assessore allo sviluppo economico Alessia Mancini, che all'indomani dell'ennesima rissa sfiorata tra le persone in coda quotidianamente in via Garbini, è ancora in attesa di una risposta alla lettera in cui chiedeva notizie sui tempi per la messa in sicurezza dell'ex tribunale. Ai ritardi dei lavori, si sommano poi i cronici problemi di personale.
Fatto sta che la situazione è ormai insostenibile, come dimostrano i numeri forniti nei giorni scorsi in consiglio comunale da Fabrizio Purchiaroni (Forza civica): ogni settimana ci sono 350 richieste di rinnovo delle carte d'identità, mentre il personale degli uffici riesce a lavorarne un massimo di 150. Il risultato - ha stigmatizzato il rappresentante di Forza civica - è che le restanti duecento pratiche si accumulano. 
I tre sportelli di via Garbini sono aperti tutte le mattine dalle ore 9 alle 12 e due giorni a settimana per appuntamento. Il problema è che ormai gli appuntamenti non vengono più presi perché le liste d'attesa sono bibliche. Il primo posto disponibile è per il 29 giugno 2021. "Se si vuole sfidare la sorte - ha detto in consiglio comunale Purchiaroni - bisogna svegliarsi la mattina alle 6, mettersi in fila aspettando che alle 8 un impiegato consegni il numeretto".
"La situazione attuale purtroppo è questa - conferma l'assessora Alessia Mancini -. Migliorerà non appena apriranno gli uffici di piazza Fontana Grande, anche se sui tempi non so dare ancora delle risposte".