Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Nepi, linea dura del sindaco contro chi non vuole fare il tampone

  • a
  • a
  • a

Scattano oggi a Nepi i controlli della polizia locale per scovare i cittadini che, pur essendo rientrati dalle vacanze in Paesi a rischio covid, non si sono ancora sottoposti al tampone obbligatorio e si rifiutano di osservare il periodo di quarantena di due settimane. Ad annunciarlo è il sindaco Franco Vita, che ha dato incarico alla municipale di rintracciare i nepesini tornati dalle ferie in zone contagiate. “Per loro - ricorda il primo cittadino - al momento del rientro è obbligatorio sottoporsi al tampone e rispettare la quarantena, anche se l’esito dovesse essere negativo”. Invece le cose non starebbero andando proprio così: “Ci risulta - prosegue Vita - che qualcuno tornato da località a rischio continui ad andare in giro indisturbato per il Comune senza aver effettuato controlli”. Sarebbero decine e decine i casi che da oggi affronterà la polizia locale. I vigili urbani, secondo quanto riferito dal sindaco, avranno il compito di contattare i nepesini rientrati dalle ferie in paesi come Grecia, Croazia, Spagna e Malta, oppure dalla Sardegna. “Tutti gli interessati dovranno dimostrare - aggiunge Vita - di aver eseguito il tampone obbligatorio e di rispettare il periodo di quarantena. Eventuali trasgressori verranno multati e denunciati”.

“E’ deplorevole - prosegue il sindaco - che ci siano alcune persone senza rispetto per i loro familiari, i loro amici e tutta la cittadinanza nepesina. Chi non rispetta la legge va sanzionato”. Va detto, peraltro, che a Nepi l’amministrazione, anche grazie al pugno di ferro adottato dal sindaco, è riuscita a contenere il virus. “Da quando è scoppiata la pandemia abbiamo avuto solo tre casi - ricorda Vita -: un ragazzo tornato da Malta, un anziano ospite di una struttura sanitaria e un operatore di un’altra struttura. Casi superati, a sottolineare i grandi sforzi profusi da tutti i cittadini, che proprio ora non possono essere messi a rischio dal comportamento irresponsabile di pochi”. Vita ha ribadito così l’invito ai nepesini che aveva già fatto una settimana fa nei confronti di quei ragazzi che a Ferragosto erano stati nella discoteca “Malaspina” di Anguillara Sabazia, dove erano stati poi riscontrati due casi di coronavirus. “Proprio oggi (ieri, ndr) - conclude il sindaco - la Asl mi ha informato di un ragazzo di Nepi, negativo al covid, che si sta sottoponendo al periodo di quarantena dopo aver frequentato il locale di Anguillara. Lui, come altri, si erano sottoposto al tampone all’ospedale di Bracciano dello scorso week-end. E’ questo l’esempio da seguire”.