Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ospedale, oltre un milione di investimenti per apparecchiature

Lia Saraca
  • a
  • a
  • a

E’ di questi giorni la notizia diffusa dalla Asl sull’avvio dei lavori di ristrutturazione nella struttura ospedaliera di Montefiascone reparto di Medicina, previsti tra la fine di agosto e gli inizi di settembre. Un investimento che interessa l’ospedale di Montefiascone come nel caso del polo riabilitativo provinciale, per il quale è stato avviato un piano di investimenti di oltre un milione di euro finalizzati alla dotazione di apparecchiature elettromedicali di riabilitazione. “Quello che rafforza l’intervento di potenziamento della struttura ospedaliera di Montefiascone - illustra il sindaco Paolini - è lo stanziamento di un milione e 300 mila euro per l’acquisto della tecnologia per il polo riabilitativo. L’avvio di questi investimenti testimonia che c’è la volontà di creare un servizio competitivo di livello provinciale e anche regionale”.

Il progetto di fare del presidio sanitario locale un polo della riabilitazione “viene portato avanti da due anni - sottolinea Paolini -. I tempi si sono un po’ allungati, doveva essere già fatto, però ben venga. Dal ‘95 ai primi del 2016 c’è stato solo un declassamento e depotenziamento della struttura, oggi si parla invece di riqualificazione e di rilanci”.

Accanto a questo ci sono però anche delle criticità evidenziate dallo stesso sindaco che si augura vengano risolte quanto prima.

“Il Pat (ex Punto di primo intervento) dovrebbe dare assistenza all’utenza h24 - sottolinea Paolini - funzionando anche la notte come previsto nella conferenza dei sindaci. Per questo mi auguro che si ritorni a parlare di Pat per assistere l’utenza del bacino nell’arco di tutte le 24 ore”.

Altro servizio è la day surgery. “C’è un atto aziendale dove si stabilisce che si deve svolgere a Montefiascone finché non sarà completato l’ospedale di Belcolle - rimarca il sindaco -.

Infine, il sindaco Massimo Paolini vede come fatto positivo, per il futuro e il rilancio dell’ospedale locale, il trasferimento del distretto Asl di via Dante Alighieri all’interno degli spazi della struttura ospedaliera.