Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tarquinia, spiaggia delle Saline inghiottita dal mare: "Ecosistema a rischio"

Anna Maria Vinci
  • a
  • a
  • a

La mareggiata di lunedì ha eroso altri importanti tratti di arenile nei pressi dell’ex Cae e dell’oasi delle Saline. La segnalazione arriva da alcuni bagnanti, che con grande sorpresa, arrivati in spiaggia, hanno assistito ai danni provocati dai marosi. “Si deve intervenire in fretta, a rischio c’è l’ecosistema del litorale e delle Saline – riferiscono –. Siamo contenti che il ministero all’ambiente sia intervenuto per mettere in sicurezza e ripristinare gli argini delle foci, ma adesso serve l’attuazione del tanto promesso rinascimento alle Saline”. Nel 2019 lo stanziamento dei fondi da parte del ministro all’ambiente Sergio Costa è stato risolutivo per quanto concerne la messa in sicurezza idrogeologica, e sulle foci in effetti sono stati effettuati importanti lavori di riassetto degli argini, ma adesso, come diceva allora il ministro, “non lavoriamo sulla logica dell’emergenza, ma con una programmazione costante e interventi specifici per attenuare i rischi sull’intero territorio nazionale”. “Adesso è il caso di intervenire sulla spiaggia delle Saline e magari rendere fruibile, mettendolo in sicurezza e attuando un ripascimento, anche il tratto di spiaggia dell’ex Cae – continuano – ma anche della spiaggia delle Saline. Noi tarquiniesi, e non solo, amiamo questa parte del litorale e ad ogni mareggiata temiamo anche per la stessa Oasi faunistica. Pensiamo che esistano fondi regionali ed europei per salvaguardare questi beni naturalistici. Chi di dovere faccia qualcosa”. “Riteniamo che anche la struttura fatiscente dell’ex Cae debba essere abbattuta e bonificata – riferiscono –. Siamo speranzosi che il progetto del Comune si realizzi”. In effetti le strutture dell’ex Cae sono fatiscenti, in alcuni casi sono implose. Calcinacci ferri pieni di ruggine, residui di potature. Da gennaio questa area è divenuta proprietà del Comune grazie alla firma del trasferimento a titolo definitivo e non oneroso del compendio demaniale. Il litorale è un bene per la città e si spera che le istituzioni lo valorizzino come merita. Nel progetto del Comune c’è la creazione di uno stabilimento attrezzato anche per i diversamente abili. Però, se non si interviene per salvaguardare il tratto di spiaggia, tutti i progetti risulteranno inutili.