Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Quaranta immigrati in arrivo a Valentano. Cittadini in ansia per il pericolo coronavirus

  • a
  • a
  • a

Valentano, cittadini e non solo preoccupati per la decisione del governo, che vorrebbe inviare 40 migranti in paese. Il problema più grande è che in questo periodo, ovvero ancora in emergenza Covid, accogliere tante presone che arrivano da così lontano e che potrebbero non essere state controllate come si deve, spaventa non poco la popolazione. Ai timori di molti valentanesi e dei residenti nei paesi vicini), si aggiungono quelli del senatore di Forza Italia, Francesco Battistoni, che mette l’accento sui rischi che potrebbe comportare questa scelta, presentando un’interrogazione urgente al ministro Lamorgese.

“La superficialità con cui il governo sta gestendo il delicato tema dei migranti in questo Paese è imbarazzante - dichiara Battistoni in una nota -. Apprendo adesso che ne vorrebbero inviare 40 in un piccolo comune di poco più di 2800 abitanti che, ad oggi, non dispone di uno Sprar. Quello utilizzato in precedenza, infatti, è attualmente sottoposto a vincolo cimiteriale e quindi ad un divieto di dimora, oltre ad essere in procinto di diventare dimora storica, la cui sicurezza infrastrutturale, al momento, non può essere garantita”.

Non secondario, inoltre - aggiunge il senatore di FI -, è il rispetto della normativa prevista in materia di sicurezza e di salute rispetto al Covid che, al momento, non sembra essere preso in considerazione: non si sa nulla sulle condizioni di salute di questi migranti ed il Comune, dato lo scarso preavviso, non può far fronte da solo al controllo sanitario. Data la popolazione esigua, qualora anche solo la metà dei migranti dovesse essere positiva, il Comune diventerebbe zona rossa e, soprattutto, come pensano di evitare che, anche questa volta, i migranti non scappino?”

“Credo che questa superficialità, che potrebbe aver inciso sull’aumento dei casi positivi, sia inopportuna e rischia di vanificare i numerosi sforzi fatti da tutti fino ad ora. Presenterò quindi - conclude Battistoni -, un’interrogazione urgente al ministro Lamorgese per chiedere di fare chiarezza, nella speranza, ovviamente, che questo scenario non si realizzi”.