Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo gestione piscina. La SS Lazio minaccia azioni legali contro Comune

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

C’è un nuovo grosso ostacolo sulla strada intrapresa dal sindaco Giovanni Arena per affidare la piscina comunale alla Federnuoto. Non è Fondazione, stavolta, ma l’Associazione S. S. Lazio.

Che la società sportiva biancoceleste, attraverso il suo ramo nuoto, fosse interessata all’impianto della Pila non è una novità. Di nuovo c’è invece la lettera che, all’indomani dell’approvazione delle modifiche al regolamento sulle strutture sportive (propedeutico all’affidamento diretto della piscina alla Fin), il vicepresidente della S. S. Lazio Nuoto ha fatto recapitare al sindaco, agli assessori e a tutti i consiglieri comunali. La società, venuta a conoscenza dalla stampa della votazione avvenuta lunedì mattina in Consiglio comunale relativamente alla modifica del regolamento degli impianti sportivi, oltre a rilanciare la sua proposta di project financing, chiede l’accesso agli atti amministrativi relativi alla pratica, lasciando intendere di voler approfondire la materia sotto vari profili, a cominciare da quelli giuridici.

“E’ interesse della scrivente - si legge nella lettera firmata dall’avvocato Daniele Sterrantino - conoscere gli atti che definiscono le condizioni dell’affidamento diretto, vuoi per il profilo giuridico-amministrativo che tecnico-economico. Ciò permetterà altresi alla scrivente di valutare la possibilità di un’eventuale proposizione (in alternativa) di una proposta di finanza di progetto”.