Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Intervento sbagliato, Asl condannata a risarcire anziano con 400 mila euro

L'ospedale Belcolle, dove la donna era ricoverata prima di essere rimandata a casa

  • a
  • a
  • a

Asl condannata a risarcire con 400 mila euro un anziano di Cura di Vetralla, e sua figlia, per un caso di malasanità risalente al 2013. Così ha deciso il giudice civile del tribunale di Viterbo Paolo Bonofiglio con una sentenza emessa il 19 scorso. La vittima, S. S. del 1934, che all’epoca dei fatti aveva 74 anni, è stato difeso dall’avvocato Angelo Di Silvio. L’Azienda sanitaria locale era stata citata in giudizio con l’accusa di aver determinato all’anziano un grave danno allorché, sottoposto a un intervento alla colecisti (colecistectomia videolaparoscopica), riportò la perforazione dell’intestino da cui scaturì una peritonite con shock settico. Il paziente manifestò i segni della perforazione intestinale il primo giorno dopo l’intervento. Fu sottoposto quindi a una nuova operazione, da cui risultò la sussistenza di una piccola lacerazione con associata peritonite.