Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Vetralla, principio di incendio nell'ex ospedale. Paura nel centro storico

Il rogo causato da alcune cartacce che si sono infiammate

Fabio Tornatore
  • a
  • a
  • a

Intervento dei Vigili del fuoco di Viterbo, il 19 giugno, per un principio di incendio nell'edificio dell'ex ospedale di Vetralla, nel cuore del centro storico, alle spalle del duomo di Sant'Andrea e a pochi passi dal municipio. A intervenire sul posto, intorno alle 9 del mattino, la Polizia Municipale di Vetralla, avvertita da un cittadino che ha visto del fumo uscire dal primo piano. Avvertiti immediatamente i pompieri questi sono intervenuti per lo spegnimento. A prendere fuoco sono state alcune carte lasciate nell'edificio abbandonato che è stato sede dell'ospedale fino al 1990, poi pronto soccorso per un'altra decina di anni, infine lo stabile non ha erogato più nessun servizio sanitario ed è stato definitivamente chiuso.
Il fuoco sarebbe stato innescato, probabilmente, da alcuni mozziconi di sigaretta, lasciati lì da dei vandali che vi si sono intrufolati nella notte. Non è la prima volta che qualcuno entra nell'ex ospedale di nottetempo: a quanto pare si erano già verificati episodi di effrazione che avevano richiesto misure più consistenti di chiusura dell'ingresso. I vandali, a quanto pare, avrebbero utilizzato un'altro ingresso  per entrare, passandovi alcune ore della notte.

In seguito all'effrazione notturna, di cui era già venuta a conoscenza la Asl, alcuni tecnici dell'azienda sanitaria si sono recati sul posto. Constatato che non era stato causato alcun danno, solo all'uscita dello stabile sono stati informati dalla polizia municipale del fumo che usciva dalle finestre del primo piano. L'intervento, molto veloce visto che l'incendio stava ancora principiando a svilupparsi, si è concluso intorno alle ore 11.
Dalla chiusura definitiva dell'ospedale e di tutti i servizi erogati dalla Asl, l'edificio è stato completamente abbandonato, diventando uno degli emblemi della decadenza del centro storico. Molte sono stare le proposte, anche nel recente passato, di apertura dell'edificio per vari usi. Tra le proposte messe sul tavolo c'è stata anche quella di acquisto da parte del Comune vetrallese.