Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Presentate le novità del Trasporto, Facchini: "Non sarà una passeggiata"

N.m.
  • a
  • a
  • a

Sarà il giorno più lungo. Perchè più lungo sarà il Trasporto. Complessivamente, i facchini percorreranno, con la “giunta” di via Marconi, un chilometro e seicento metri, rispetto al chilometro e duecento metri in cui consiste il percorso abituale. “Non sarà una passeggiata” dice, quasi sommessamente, Sandro Rossi. Il capofacchino, ai suoi, ha chiesto rigore: anche, e soprattutto, per quel che riguarda la forma fisica e mentale. Il Trasporto 2014 è stato presentato in Comune. La pendenza (5, 24 metri) tra piazza del Teatro e piazza della Repubblica impone che, percorrendo a ritroso via Marconi, per tornare ai piedi della salita, debba essere invertita la formazione: gli alti dietro, i meno alti davanti. La Macchina, evitando la breve sosta di fine Corso, entrerà a piazza del Teatro. Si posizionerà, sui cavalletti, all'altezza di via Matteotti. Quindi, autorità, polizia locale, si posizioneranno dietro alla Macchina, dov'è la farmacia. Quando la Macchina, di lì, muoverà per piazza della Repubblica, dovrà trovare il percorso completamente sgombro. Chi era rimasto indietro, in quel frangente, seguirà la Macchina. Poi, girata a piazza della Repubblica la Macchina (file di sinistra: un passo indietro; file destre, impegnate a ruotare), si tornerà all'assetto tradizionale: con il “cordone” davanti. Corde umane, vincolate dalla presa dei polsi con le mani, aiuteranno, per la pendenza, gli altri a sostenere, “gradino dopo gradino”, il peso della mole. Il Trasporto, quest'anno, sarà dedicato (Massimo Mecarini, presidente del Sodalizio) “alla pace in Medio Oriente”. Il tratto di via Marconi (Sandro Rossi, capofacchino) “alla città di Viterbo e ai viterbesi; fedeli, da 750 anni, a Santa Rosa”. A piazza del Comune, girata dedicata, a tre mesi dalla scomparsa, a Mario Prosperoni, il grande medico dei facchini. E, insieme, ad altre figure care al Sodalizio: Giuseppe Monti, Guglielmo Riccardi, Luca Brancadoro. La girata di piazza della Repubblica ricorderà, invece, Marcello Sensi.