Anniversario del terremoto del 6 febbraio 1971: ricordi e testimonianze

Tuscania

Anniversario del terremoto del 6 febbraio 1971: ricordi e testimonianze

05.02.2015 - 21:43

0

Ciò che la natura è riuscita a scatenare il 6 febbraio del 1971, poco dopo le 19, è qualcosa che non ha eguali nella nostra provincia. Il sisma - una prima scossa di 4.46 gradi della scala Richter (circa 7 della Mercalli) e una seconda di 3.56 - colpisce e devasta la Maremma laziale. Crolla tutto, un vero e proprio inferno in pochi secondi e un’intera comunità, nota al mondo per le sue fantastiche chiese romaniche, le mura medioevali e un passato glorioso, è praticamente in ginocchio. L’energia sprigionata è talmente violenta che l’ondata tellurica coinvolge, seppur in forma più lieve, non solo le vicine Arlena di Castro e Tessennano, ma anche Assisi, Valfabbrica, Bastia Umbra e Gubbio, causando non pochi danni.

Tra le tante testimonianze di quel doloroso 6 febbraio, abbiamo scelto quella dello scrittore e parlamentare Angelo La Bella, che avvertì la prima scossa a Viterbo. Dopo pochi minuti raggiunse in prima persona la zona dell’epicentro. Singolare e per questo rara, è riportata nel suo volume “Cronache, storie e leggende del Viterbese e dintorni”.

"Ultimo sabato di Carnevale, mi apprestavo a consumare la cena, quando avvertii un forte tremolio delle pareti del palazzo; intesi contemporaneamente tintinnare i bicchieri nella cristalliera e, alzando gli occhi al soffitto vidi il lampadario oscillare vistosamente; il tutto accompagnato da un sordo boato lontano. Ci deve essere stata una scossa di terremoto; chissà da che parte? Disse mia moglie con voce malferma. Abbastanza vicino! Risposi. Di lì a poco squillò il telefono; era Assuero Ginebri, consigliere comunale di Viterbo che, emozionato mi avvertì: un terribile terremoto ha devastato Tuscania; ci sono morti e feriti; non c’è un minuto da perdere. Arrivammo a Tuscania quasi contemporaneamente al folto gruppo delle autorità provinciali capeggiate dal prefetto. Con loro entrammo nel centro storico, già completamente evacuato dai suoi abitanti, riversatisi fuori le mura. Facemmo un ampio giro. Dappertutto macerie, case diroccate e lesionate, rese inabitabili dal sisma; auto, furgoncini e qualche trattore sommersi dalle rovine. Si contarono i morti; un numero contenuto, malgrado la potenza della scossa, per l’ora in cui era avvenuto. Se si fosse verificata in piena notte, sarebbe stata un’ecatombe. Completato il giro di ricognizione, quando con il gruppo ci apprestavamo ad uscire dal centro storico attraverso la porta principale, ci fu una seconda scossa. Cadde fragorosamente l’orologio che sovrastava l’architettonica struttura. Poco mancò che l’ondata del calcinacci ci investisse in pieno. Attraverso il polverone scavalcammo a fatica le macere e guadagnammo l’uscita; eravamo impauriti ma sani e salvi".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Scissione Pd, Renzi: "Restituire alla politica la gioia, Pd modello novecentesco"

Scissione Pd, Renzi: "Restituire alla politica la gioia, Pd modello novecentesco"

(Agenzia Vista) Roma, 17 settembre 2019 Scissione Pd, Renzi: "Restituire alla politica la gioia, Pd modello novecentesco" Matteo Renzi lascia il Pd, l'ex premier annuncia: "i gruppi parlamentari nasceranno già questa settimana. Zingaretti non avrà più l'alibi di dire che non controlla i gruppi del Pd perché saranno 'derenzizzati'. La decisione comunicata telefonicamente anche al premier Conte / ...

 
Scissione Pd, Renzi lancia 'Italia Viva', la sede sarà in via Frattina? Voce ai commercianti

Scissione Pd, Renzi lancia 'Italia Viva', la sede sarà in via Frattina? Voce ai commercianti

(Agenzia Vista) Roma, 17 settembre 2019 Scissione Pd, Renzi lancia 'Italia Viva', la sede sarà in via Frattina? Voce ai commercianti Matteo Renzi lascia il Pd, l'ex premier annuncia: "i gruppi parlamentari nasceranno già questa settimana. Zingaretti non avrà più l'alibi di dire che non controlla i gruppi del Pd perché saranno 'derenzizzati'. La decisione comunicata telefonicamente anche al ...

 
Gig-economy, Treu (Cnel): "Avvieremo interlocuzione con protagonisti e faremo proposte"

Gig-economy, Treu (Cnel): "Avvieremo interlocuzione con protagonisti e faremo proposte"

(Agenzia Vista) Roma, 17 settembre 2019 Gig-economy, Treu (Cnel): "Avvieremo interlocuzione con protagonisti e faremo proposte" Il convegno promosso dal Cnel: 'I lavoratori nella gig economy - Politiche regionali e casi aziendali in relazione al DL 101/2019 e alla contrattazione collettiva'. Il presidente del Cnel, Tiziano Treu Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

Cultura

Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

''Non ci sono le condizioni per fare il Christmas Village a Viterbo anche per il 2019". Caffeina prende cappello e va in esilio. Il presidente della Fondazione Carlo Rovelli, ...

08.09.2019

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

SUTRI

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

La splendida voce di Sutri, quella di Francesca Lotta, ha vinto la quinta edizione del Premio “Mimi Sarà” per la categoria over 40. La finale si è svolta domenica scorsa a ...

05.09.2019

Santa Rosa

PILASTRO

Il trasporto
della Minimacchina

Il trasporto della Minimacchina di Santa Barbara

25.08.2019