Guerra di nervi sul fotovoltaico

TUSCANIA

Guerra di nervi sul fotovoltaico

21.08.2019 - 14:01

0

“Le dichiarazioni firmate da un gruppo di associazioni ambientaliste, tra le quali Assotuscania, Gruppo di intervento giuridico, Italia nostra, Lipu-Bridlife Italia, Mountain Wilderness e Pro natura, fanno parte di una massiccia campagna di demonizzazione che in più frangenti ha sconfinato in vera disinformazione sulle energie rinnovabili. Alcune affermazioni, lacunose ed erronee, denotano una visione palesemente di parte e miope”.
Contro le polemiche sull’impianto fotovoltaico di Pian di Vico, che, con la sua estensione di 245 ettari e una potenza nominale di 150 mw sarà il più grande d’Italia e uno tra i più grandi d’Europa, prende posizione la Dcs, la società che ha promosso il progetto. Secondo la quale “se si fosse esaminato tutto con obiettività si sarebbe visto che i terreni agricoli non vengono minimamente stravolti. Le aree boscate non vengono nemmeno toccate, gli impatti sull’ambiente sono di fatto minimi e temporanei, completamente reversibili, e le ricadute socio-economiche nel loro complesso obiettivamente positive”.
La costruzione dell’impianto, a meno di ulteriori sorprese o intoppi di natura burocratica, dovrebbe partire quando si concluderà l’iter dei ricorsi al Tar presentati dal Mibac e dal Comitato salute e ambiente.
Respinti i provvedimenti di urgenza di sospensione del titolo autorizzativo (risale a venti giorni fa il pronunciamento sul ricorso del Comitato salute e ambiente in cui sono stati ravvisati dai giudici amministrativi “profili di inammissibilità”), si attende ora la discussione nel merito.
Secondo Assotuscania, che ribadisce di essere favorevole alle rinnovabili, ma se “non intensive e impattanti”, l’impianto di Pian di Vico sarebbe troppo grande per il territorio di Tuscania: “L’ammontare delle richieste di autorizzazioni per impianti fotovoltaici a terra attualmente presentate in Regione per la provincia di Viterbo ammonta a oltre 1359 mwp. Parliamo di quasi 2.300 ettari, mentre solo pochi mesi fa erano soltanto 1.200. Tra questi numeri spicca il triangolo Tuscania - Montalto - Tarquinia e non stiamo parlando del deserto del Sahara, ma di consumo di suolo della Tuscia verde, della terra degli etruschi, dei borghi medievali, dei paesaggi attraversati dagli antichi cammini”.
La Dcs ribadisce invece che “il progetto è stato sottoposto alla più completa procedura di valutazione degli impatti ambientali prevista dalle nostre leggi nazionali. E’ stato esaminato da tutti gli enti preposti ad esprimersi per le singole aree di competenza e tutti hanno dato parere positivo. L’unico negativo è della Soprintendenza, che ha paventato impatti sul paesaggio storico e archeologico. Ma, a parte che il parere della Soprintendenza non è né qualificato né vincolante, essendo l’impianto fuori da ogni area di vincolo, si deve considerare che lo stesso impianto è invisibile e schermato e che la relazione archeologica preventiva ha escluso la presenza di beni storici. Ecco perché la Regione e tutti gli enti intervenuti hanno superato il dissenso all’unanimità”.
Oltre all’impatto ambientale, ad alimentare le polemiche ci sarebbero anche questioni personali: “Alcune persone - denuncia la Dcs - ci hanno contattato per sapere se l’autorizzazione del progetto di Pian di Vico fosse in vendita, dicendosi rappresentati di soggetti interessati all’acquisto”.
Al Tar del Lazio il compito di mettere la parola fine sulla querelle.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Segre abbraccia Valerio, il ragazzo Sapienza criticato per le sue idee di destra

Segre abbraccia Valerio, il ragazzo Sapienza criticato per le sue idee di destra

(Agenzia Vista) Roma, 18 febbraio 2020 Segre abbraccia Valerio, il ragazzo Sapienza criticato per le sue idee di destra Presso l’Università La Sapienza di Roma è stata conferita la laurea Honoris causa alla senatrice Liliana Segre, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’ateneo. Alla conferenza, tenutasi nell’aula magna del rettorato, hanno partecipato il Presidente della ...

 
Odio online e disinformazione, in arrivo nuove regole Ue

Odio online e disinformazione, in arrivo nuove regole Ue

Milano, 18 feb. (askanews) - Facebook non è un media tradizionale e neanche una compagnia di telecomunicazioni: sta nel mezzo. È questo il punto di partenza per Mark Zuckerberg per trovare regole condivise che combattano disinformazione e violenza verbale sul Web. Regolamentazione a cui sta lavorando l'Unione europea, col "Digital Service act", e i cui commissari per la prima volta hanno ...

 
Milleproroghe, il governo ha posto la fiducia alla Camera

Milleproroghe, il governo ha posto la fiducia alla Camera

Roma, 18 feb. (askanews) - Il governo, come era previsto, ha posto la fiducia alla Camera sul decreto Milleproroghe come annunciato dall'intervento in aula del ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà. I tempi per la conversione in legge sono stretti: domani a Montecitorio le dichiarazioni di voto sulla fiducia, poi il voto. Seguirà il passaggio in Senato, dove il decreto ...

 
Intesa San Paolo lancia un'offerta di scambio su Ubi Banca

Intesa San Paolo lancia un'offerta di scambio su Ubi Banca

Roma, 18 feb. (askanews) - Intesa Sanpaolo ha lanciato un'offerta pubblica di scambio volontaria totalitaria sul capitale di Ubi Banca. Tradotto: Intesa Sanpaolo vuole comprare Ubi. E offrirà 17 azioni di Intesa ogni 10 azioni di Ubi Banca portate in adesione all'offerta. Il premio è del 27,6% rispetto al prezzo ufficiale delle azioni di Ubi alla chiusura del 14 febbraio scorso. Un'operazione, ...

 
Belen Rodriguez di nuovo incinta? La modella posta su Instagram la foto della sua ombra e alimenta i dubbi

Gossip

Belen Rodriguez di nuovo incinta? La modella posta su Instagram la foto della sua ombra e alimenta i dubbi

Belen Rodriguez di nuovo incinta? E' la stessa showgirl e modella argentina ad alimentare i dubbi. Lo fa pubblicando sul suo profilo Instagram una foto. E' un'immagine della ...

18.02.2020

Video Don Matteo 12, torna il prete detective: anticipazioni della quinta puntata

in tv

Video Don Matteo 12, torna il prete detective: anticipazioni della quinta puntata

Dopo i due rinvii consecutivi per via del Festival di Sanremo (6 febbraio) e della partita di calcio di Coppa Italia Milan-Juventus (13 febbraio), giovedì 20 febbraio alle 21,...

18.02.2020

La Pupa e il secchione 2020, colpi scena nella puntata finale di martedì 18 febbraio: clip in anteprima

Televisione

La Pupa e il secchione 2020, colpi scena nella puntata finale di martedì 18 febbraio: clip in anteprima

Gran finale per “La Pupa e il Secchione e Viceversa 2020”. L'ultima puntata è quella di oggi, martedì 18 febbraio, in prima serata su Italia 1. Previsti colpi di scena. ...

18.02.2020