Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Fissa un incontro a luci rosse, ma all'appuntamento viene rapinato

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Combina un appuntamento su un sito di incontri con due uomini, dopo averli conosciuti in chat. Ma gli amici, un italiano di 36 anni e un rumeno di 30, contattati con ogni probabilità per un incontro a luci rosse, non si rivelano tali. Lo accecano con uno spray al peperoncino e lo rapinano. Insomma, l'appuntamento hot per un ternano di 46 anni si è rivelato un vero e proprio incubo: i due uomini, già noti alle forze dell'ordine, sono stati comunque rintracciati e arrestati dai carabinieri. Ora sono nel carcere di Viterbo, a Mammagialla.  La storia L'appuntamento, dopo i contatti in rete, è fissato al casello A1 di Orte. Il ternano, non pratico della zona, si fida dei due "amici" e sale a bordo della loro auto. Subito però si accorge che qualcosa sta andando storto. Il conducente dell'auto si dirige verso una zona isolata di Bassano in Teverina, imboccando una stradina sterrata. Qui interrompe la sua marcia, l'altro spruzza lo spray al peperoncino al malcapitato ternano e lo obbliga a consegnargli il portafoglio. Poi i due malviventi cercano di prendergli dalle mani le chiavi della sua auto: il ternano resiste, anche quando l'italiano e il rumeno cercano di legarlo. Alla fine approfitta di un attimo di distrazione dei rapinatori e scappa via, chiamando il 112. I responsabili sono stati rintracciati dai carabinieri. Per l'italiano anche una contestazione di produzione di sostanze di stupefacenti: l'uomo aveva in casa una piccola coltivazione di 6 piante di marijuana, sequestrata dai militari. Per il ternano, nonostante lo choc per il pericolo scampato, nessuna conseguenza fisica.