Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nella Tuscia si i il alza il muroper l'arrivo di nuovi rifugiati

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

 Si alza il muro per l'arrivo di altri immigrati nella Tuscia. La situazione si sta facendo ogni giorno che passa più esplosiva. Non solo a Tarquinia, dove ieri si è celebrato un accesissimo Consiglio comunale per il prossimo arrivo dei richiedenti asilo nell'ex polveriera, ma anche a Canino dove alcuni progetti di accoglienza promossi dai privati che hanno risposto ai bandi della Prefettura stanno creando ansia tra la popolazione. A Tarquinia non si è arrivati a votare nessun documento: all'assise erano presenti numerose persone e più volte la tensione è salita alle stelle. Il sindaco Mazzola ha chiesto di votare un documento unitario per chiedere che il Comune non venga escluso dalle decisioni. Più o meno la stessa decisione del Consiglio comunale di Canino - dove attualmente in due strutture vengono accolti 80 immigrati - che ha “congelato” tutte le procedure in atto per promuovere nuovi progetti di accoglienza. L'Arci, intanto, invita tutti a promuovere il modello dell'accoglienza diffusa. ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 29 LUGLIO 2017