Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Allarme topi nel centro storico

default_image

Annamaria Socciarelli
  • a
  • a
  • a

 Centro storico: è allarme ratti. Molte famiglie, che risiedono nelle vecchie abitazioni del centro storico cittadino, sono piuttosto preoccupati (per non dire allarmati) della presenza sempre più frequente e sfrontata di grossi ratti che provengono dalle fogne. Topi di grandi dimensioni, simili anche ad un comune gatto domestico. La proliferazione di questi roditori è aumentata e la loro esuberanza è tale che non hanno paura di incontrare le persone, non fuggono davanti ad esse.” Una mattina – racconta spaventata una signora che abita in via di Corte - mentre stavo in cucina e avevo il portone di casa aperto mi sono vista entrare senza alcun timore un grosso topo dalle dimensioni di un gatto. Oltre al ribrezzo per questo animale, ho avuto sinceramente paura anche perchè era presente con me in casa la mia nipotina di pochi mesi”. Un'altra signora aggiunge:” Un giorno stavo per entrare in casa quando mi sono accorta che un grosso topo di colore grigio scuro stava sul davanzale della finestra del mio appartamento che fortunatamente era chiusa. Ho urlato ed è scappato via lungo il muretto del cortile”. Ma perché negli ultimi tempi ci si può imbattere con frequenza nelle vie e nelle piazze del centro storico in questi grossi roditori? ”Indubbiamente - spiega la signora che ha cacciato via il ratto dalla sua casa - per strada o nei cestini pubblici vengono lasciate indiscriminatamente molte buste di immondizia. Spesso contengono scarti alimentari che inevitabilmente attirano i topi.Con il passare del tempo per loro questa situazione di degrado è diventata una pacchia e hanno preso coraggio fino ad osare ad entrare dentro le case dove abita la gente. Secondo me il Comune dovrebbe iniziare ad effettuare una derattizzazione più efficace rispetto a quella finora fatta. Tra l'immondizia abbandonata dove capita e i ratti la situazione igienica e quella del decoro urimmondiziabano stanno davvero degenerando”.