Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma amarcord, 39 anni fa il gol annullato a Turone e l'inizio della rivalità infinita con la Juventus

Esplora:

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Roma amarcord, 39 anni fa il gol annullato a Turone e l'inizio della rivalità infinita con la Juventus. La Var non c'era e dunque quella questione di centimetri, durerà per l'eternità. 10 maggio 1981, la prima Roma di Falcao per si gioca lo scudetto con la Juventus in un avvincente testa a testa. Quel giorno c'è Juventus-Roma. I giallorossi si presentano al Comunale con un punto di svantaggio. E' la partita scudetto. Una brutta gara a dir la verità con la Roma che prova a portare a casa il risultato solo dopo l'espulsione di Furino. Il fantasma che ancora oggi turba il sonno al popolo giallorosso di materializza al 26' della ripresa: cross di Conti, Pruzzo allunga di testa e sulla palla si avventa Ramon Turone, che di solito i gol non lì fa ma li evita essendo un arcigno difensore. Quel giorno il gol lo fa. E che gol, la rete del sorpasso. Ma la gioia dura poco. L'arbitro Bergamo prima indica il centrocampo, poi guarda il guardalinee Sancini con la bandierina alzata e annulla per fuorigioco. La partita finì 0-0. Niente sorpasso. E niente scudetto (Guarda la sintesi della partita). Per approfondire leggi anche: Il secondo scudetto della Roma (video) "Questione di centimetri, abbiamo perso lo scudetto per una questione di centimetri", amava ripetere l'ingegner Dino Viola. Altri tempi con i presidenti che utilizzavano l'arma dell'ironia per stuzzicarsi. Tanto che Boniperti qualche settimana più tardi fece recapitare un righello a Viola. Ma il presidente, nonostante il suo aplomb, non gradì e lo rispedì indietro con il messaggio sarcastico: "E' più utile a lei che è geometra che a me che sono ingegnere". Il fantasma di quel gol annullato a continuato a tormentare i romanisti fino ad oggi. Riappare a ogni vigilia di Juventus-Roma. Uno come Falcao per esempio ancora oggi considera una sorta di scippo quello scudetto. Il divino ne parla anche nel docufilm "Chiedi chi era Falcao" prodotto da Roma Tv qualche anno fa: "Il calcio è un gioco, non è una questione di giustizia. Se era una questione di giustizia quello scudetto lo meritavamo noi". Dopo 39 non è cambiato nulla.