Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma Amarcord: 1 maggio 1983, l'urlo di Di Bartolomei e lo scudetto rimandato di una settimana

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Roma Amarcord: 1 maggio 1983, l'urlo di Di Bartolomei e lo scudetto rimandato di una settimana. C'è un'immagine che è un'icona per una generazione intera di romanisti. L'esultanza di Agostino Di Bartolomei dopo aver segnato il raddoppio nella gara all'Olimpico contro l'Avellino. Era il pomeriggio del 1 maggio 1983 e in quel momento la Roma era campione d'Italia perché la Juventus stava perdendo con l'Inter. Ma i bianconeri pareggiarono e la Roma dovette rimandare la festa per il secondo tricolore di una settimana. Festa scoppiata appunto 7 giorni dopo a Marassi dopo il pari con il Genoa. Per approfondire leggi anche: I 105 di Dino Viola. La Roma ricorda l'Ingegnere Ma quella partita all'Olimpico è scolpita nel cuore dei tifosi giallorossi, tanto è vero che oggi sul profilo Twitter dell'As Roma è stato pubblicato un video che celebra quel pomeriggio di 37 anni fa. La Roma arrivò a quella partita con tre lunghezzedi vantaggio sulla Juventus e tre gare ancora da giocare. Quella era ancora l'epoca della vittoria da due punti e delle partite tutte in contemporanea nel primo pomeriggio di domenica. La classifica recitava Roma 38 punti, Juventus 35. Ma dopo il primo tempo l'Olimpico, quel giorno c'erano oltre 50.000 spettatori, iniziò a sognare. Falcao aveva portato in vantaggio la Roma con una punizione sotto la Sud, mentre la Juventus perdeva 3-1 con l'Inter. Sarebbe stato scudetto, lì subito, davanti ai tifosi giallorossi che aspettavano da 42 anni. Nella ripresa Di Bartolomei raddoppia con una bomba dal limite. La sua corsa a pugni chiusi e lo storico abbraccio con Ancellotti restano l'icona di quella partita. Poi la Juventus pareggio 3-3 grazie a Bettega e la festa fu solo rimandata. Ma per molti tifosi lo scudetto arrivò quel 1 maggio. ️ 1 maggio 1983 Roma-Avellino 2-0. Falcao, Di Bartolomei ❤️ Lo Scudetto a un passo e l'abbraccio più bello ♥️#ASRoma pic.twitter.com/dTyTHbJbN4— AS Roma (@OfficialASRoma) May 1, 2020