Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

"Il gentil nocchiarolo", al Petrolini va in scena un Molière tutto "roncionese"

Evandro Ceccarelli
  • a
  • a
  • a

Al teatro comunale  Petrolini di Ronciglione si sta per alzare il sipario su una delle commedie più attese di questa stagione, dove protagonisti sono i ronciglionesi. "Il Gentil Nocchiarolo", in scena il 15, 16 e 17 gennaio alle 21, è uno spettacolo dialettale liberamente riadattato da "Il Borghese Gentiluomo" di Molière e messo interamente in scena dall'Istituzione comunale Progetto Teatro. Il Signor Jourdain, ronciglionese di origine, dopo tanti anni di paziente e tenace lavoro, decide di investire il suo ricco patrimonio in studi filosofici, musicali, di danza e scherma perchè pervaso dal desiderio di frequentare la nobil classe roncionese (e di conquistare la bella marchesa), tra abiti troppo stretti e troppo larghi, lezione filosofiche e linguistiche. Diretta dal regista Maurizio Donadoni, la compagnia è composta da attori ronciglionesi che si mettono in gioco sul palco dell'Ettore Petrolini per divertire il pubblico e far rivivere lo spirito "roncionese" attraverso un classico come "Il Borghese Gentiluomo" di Molière. Allestimenti, scenografie, coreografie, fotografie sono curate interamente da cittadini di Ronciglione, così come ogni dettaglio dello spettacolo. "Le tre date previste sono già sold out – afferma Tiziana Mascagna, Presidente dell'Istituzione Teatro. Ancora una volta i ronciglionesi dimostrano di apprezzare il teatro locale e si mettono in gioco completamente per regalare risate e divertimento ai propri concittadini". “Dopo il Pasticciaccio di Carnevale dello scorso anno – afferma il sindaco, Alessandro Giovagnoli - l'Istituzione Teatro torna a stupirci con uno spettacolo interamente ideato e messo in scena dai ronciglionesi. Mi congratulo con i membri dell'Istituzione e con quanti hanno collaborato alla riuscita della commedia, che registra già il tutto esaurito. Al di là del risultato mi emoziono come sempre nel vedere tanta gente collaborare e metterci del proprio per far rivivere sul palcoscenico la nostra storia e le nostre radici. Un amore che, unito all'estrosità e alla goliardia insiti nel dna di ogni ronciglionese, ci regala sempre serate indimenticabili”.