Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marini consigliere modello, a Serra e Frittelli il primato delle assenze

default_image

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Giacomo Barelli, Stefano Caporossi, Elisa Cepparotti, Giulio Marini, Rinaldo Merli, Ludovica Salcini, Ombretta Perlorca e Antonio Scardozzi. Sono loro gli aficionados della sala d'Ercole, i consiglieri più assidui, con 37 presenze su un totale di 38 sedute svolte in questo primo anno di amministrazione Arena. La maglia nera per numero di assenze spetta invece ai consiglieri della lista Viterbo dei cittadini Patrizia Frittelli e Francesco Serra. La prima ha partecipata solo a 12 sedute, meno di un terzo del totale, il secondo a 15, poco più di un terzo. Entrambi medici (senologa la prima, cardiologo il secondo) e per questo tenuti dai propri impegni professionali molto spesso lontani daPalazzo dei Priori, sia Frittelli che Serra appartengono al Pd: furono temporaneamente espulsi dal partito insieme a un gruppo di altri ex consiglieri perché alle ultime comunali si candidarono (Serra a sindaco) in una lista alternativa a quella ufficiale dem, capitanata da Luisa Ciambella. A parte loro, i restanti eletti superano tutti superano la soglia delle 20 presenze. Tra coloro che non hanno brillato per presenzialismo ci sono Vittorio Galati, che di recente è andato a ingrossare le file della Lega dopo essere uscito da Fratelli d'Italia e aver sostato per un breve periodo nel gruppo misto insieme a Fabrizio Purchiaroni. Anche quest''ltimo, ex Forza Italia, ingegnere, non è tra i più affezionati agli scranni della sala consiliare (26 presenze), così come la stessa capogruppo del Pd Luisa Ciambella (25), il Fratello d'Italia Luigi Buzzi (27) e il cantante lirico di Viterbo 2020 Alfonso Antoniozzi (27). Nonostante le defezioni di Galati, la Lega piazza ben cinque rappresentanti nella lista dei consiglieri virtuosi. Nessuno tra i salviniani sembra dunque voler emulare le gesta del loro Capitano, che da parlamentare europeo non fu un campione di presenzialismo. Tra i big si distinguono l'ex sindaco Giulio Marini (Forza Italia), il leader di Fondazione Gianmaria Santucci e la capogruppo di Viterbo 2020 Chiara Frontini: il primo svetta, come abbiamo visto, al top della classifica, gli altri due lo tallonano con 36 presenze su 38. A quota 36 troviamo anche il portavoce grillino Massimo Erbetti e la consigliera forzista Paola Bugiotti. L'avvocato Giacomo Barelli (Viva Viterbo), anche lui nel gruppo di testa, pare intenzionato a far dimenticare il suo mentore Filippo Rossi, che nella precedente consilatura, dopo essersi dimesso da presidente del Consiglio, divenne un autentico desaparecido della sala d'Ercole.